Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Colon irritabile, quali sono i sintomi da non sottovalutare

I titoli delle 13 di Sky Tg24 del 22/10

3' di lettura

La sindrome dell’intestino irritabile presenta una sintomatologia varia che può rendere complicata una diagnosi precisa e tempestiva. Tuttavia, esistono alcuni specifici campanelli d’allarme da non trascurare 

Sono molti i disagi causati dalla sindrome del colon irritabile, una condizione di cui è complicato individuare le cause precise ed è caratterizzata da dolori e fastidi che possono debilitare chi ne è affetto. L'intestino irritabile colpisce circa il 10% della popolazione con una prevalenza circa doppia tra le donne rispetto agli uomini: la cronicità tipica di questa condizione, che non sempre si riesce a debellare completamente, fa sì che la sindrome dell’intestino irritabile sia spesso associata anche a stress fisico e psicologico.

Colon irritabile, i sintomi principali

La sintomatologia della sindrome del colon irritabile è varia e poco specifica, anche in virtù del fatto che la condizione si presenta spesso insieme ad altri disordini e patologie. Esistono tuttavia alcuni sintomi che, più di altri, sono tipici dell’intestino irritabile e possono dunque fungere da campanello d’allarme. Come spiega Humanitas, secondo i criteri diagnostici internazionali un dolore o fastidio addominale emerso almeno sei mesi prima della diagnosi e presentatosi almeno tre giorni al mese negli ultimi tre mesi è da considerarsi un primo indicatore della condizione se associato ad almeno due sintomi tra una sensazione di sollievo dopo l’evacuazione, una modifica dell’aspetto delle feci o della frequenza delle evacuazioni stesse. In alcuni casi, a questi disturbi possono poi aggiungersi gonfiore addominale, crampi addominali, diarrea, stitichezza o una frequenza superiore alla norma nelle evacuazioni o la presenza di muco nelle feci.

Sintomi di allarme dell’intestino irritabile

La combinazione di questi sintomi può portare alla diagnosi della sindrome del colon irritabile, che in ogni caso, puntualizza Humanitas, avviene per esclusione, vista l’assenza di malattie organiche che possano giustificare i disturbi emersi. I segnali principali dell’intestino irritabile possono tuttavia essere accompagnati da “sintomi di allarme”, chiamati così poiché più rari e potenzialmente indicativi di altre malattie più gravi. Tra questi ci sono la perdita di peso ingiustificata, l’insorgenza oltre i 50 anni, la presenza di sangue nelle feci, febbre, anemia e fastidio che permane anche in seguito ad evacuazioni. In questi casi si rendono necessari esami più specifici, che possono variare da un test delle allergie o per la celiachia a colonscopia o tomografia computerizzata.

Possibili rimedi per il colon irritabile

Come anticipato, la sindrome dell’intestino irritabile può presentarsi come una condizione cronica caratterizzata da sintomi che tendono a riacutizzarsi periodicamente. Sebbene non esistano terapie specifiche, è possibile intervenire direttamente sui disturbi avvertiti al fine di alleviarli. A chi soffre del colon irritabile è consigliata l’attività fisica, una dieta equilibrata che escluda cibi o bevande che provocano un peggioramento dei fastidi, l’utilizzo di integratori o probiotici oltre a farmaci mirati a curare eventuali stati di ansia o depressione che in alcuni casi possono accompagnare l’intestino irritabile. 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"