AstraZeneca, Palù (Aifa) a Sky TG24: "Su seconda dose nessuna controindicazione"

Salute e Benessere

Il presidente dell'Agenzia italiana del farmaco sulla raccomandazione dell'utilizzo del preparato alle persone con più di 60 anni di età da parte del ministero: "Decisione sofferta, ma unanime. Si è tenuta in considerazione la fiducia degli italiani". E sulla campagna: "In arrivo 17 milioni di Pfizer e 7-10 milioni di J&J, sufficienti per raggiungere l'obiettivo delle 500mila somministrazioni al giorno"

 "L’Ema ha chiamato l’Agenzia del farmaco inglese ed AstraZeneca. E’ stata fatta una review dei 79 casi di trombosi e nessuno si è verificato nella seconda vaccinazione. Ricordo che circa 20 milioni di inglesi sono stati vaccinati con AstraZeneca. Per la seconda dose non c’è al momento alcuna controindicazione". Lo ha detto a Sky TG24 Giorgio Palù, presidente dell'Aifa (Agenzia italiana del farmaco), dopo la raccomandazione del ministero della Salute sull'utilizzo del vaccino AstraZeneca agli over 60. "Si è tenuta in considerazione la fiducia degli italiani - ha aggiunto Palù - è stata una decisione dibattuta, sofferta, ma unanime da parte di tutti i consiglieri scientifici che il ministro Speranza aveva raccolto attorno a sè"  (COVID, ,AGGIORNAMENTI - SPECIALE).

"Aifa non ha modificato autorizzazione per tutte le età"

vedi anche

AstraZeneca, uso preferenziale a over 60. Come cambia il piano vaccini

“L’Aifa - ha spiegato Palù - ha autorizzato e non ha modificato autorizzazione per tutte le età. L’Italia sulla base dei dati del Prac (comitato di farmacovigilanza) dell’Ema ha deciso di fare questa raccomandazione preferenziale, è un suggerimento, si è suggerita la fascia d’età in cui non ci sono rischi”. Ma ha precisato Palù che anche i non over 60 sono "liberi di farlo, firmando il consenso informato".

"In arrivo 17 milioni di dosi Pfizer e tra i 7 e i 10 milioni di J&J"

leggi anche

AstraZeneca, Ema: legami con trombosi, ma casi rari. No a restrizioni

Secondo Palù, la raccomandazione sull'utilizzo di AstraZeneca non dovrebbe influire più di tanto sull'andamento della campagna in Italia. "Nel secondo trimestre - ha fatto sapere il presidente dell'Aifa - sono in arrivo 17 milioni di Pfizer, 7-10 milioni di J&J a fine aprile, Moderna arriverà in una dose più bassa e CureVax arriverà un po’ più in là, quindi abbiamo a disposizione dosi per arrivare la copertura prevista di 500mila vaccinati al giorno”. Il raggiungimento di questa soglia, ha spiegato ancora Palù, “dipenderà anche dagli arrivi dei prossimi giorni e dall’organizzazione, che però ha preso una marcia molto attiva. Siamo arrivati a 250mila vaccinazioni al giorno, quando saremo a 500mila potremmo arrivare alle coperture che ci ha assicurato il generale Figliuolo e che ci mettono in sicurezza".

"Tutti i vaccini saranno seguiti e studiati come AstraZeneca"

approfondimento

Covid, on air su Sky TG24 il contatore dei vaccinati in Italia

"Questi eventi così rari non potevano essere messi in evidenza negli studi validativi, che nella fase 3 impiegano 10-20-30mila persone, proprio per la loro rarità. Solo la vaccinazione di massa può metterli in evidenza. Ciò non avviene solo per i vaccini ma per tutti i farmaci. Tutti i vaccini – ha aggiunto il presidente dell'Aifa - saranno seguiti come avvenuto per AstraZeneca o Pfizer. Società scientifiche, in particolare quella di thrombosis and haemostasis, italiane e europee, stanno cercando di capire qual è il meccanismo patogenetico".

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.