Oxford-AstraZeneca: se test ok, a novembre prime dosi di vaccino in Italia

Salute e Benessere
©Getty

"I primi 2-3 milioni di dosi del vaccino anti Covid Oxford-Irbm-AstraZeneca dovrebbero arrivare all'Italia entro la fine di novembre se la sperimentazione in corso procederà positivamente", ha dichiarato all'Ansa il presidente della Irbm di Pomezia, che ha collaborato con lo Jenner Institute della Oxford University alla messa a punto del prototipo di vaccino

Piero di Lorenzo, presidente della Irbm di Pomezia che sta lavorando al vaccino contro il coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE) ha dichirato all'Ansa che "i primi 2-3 milioni di dosi del vaccino anti Covid Oxford-Irbm-AstraZeneca dovrebbero arrivare all'Italia entro la fine di novembre se la sperimentazione in corso procederà positivamente, dopo la sospensione temporanea a causa di una reazione sospetta su un volontario poi dimostratasi non legata al candidato vaccino".

"Se non ci saranno criticità, rispettata tempistica annunciata da Speranza"

approfondimento

Coronavirus, superati 935mila morti. Trump: vaccino in 3-4 settimane

La Irbm di Pomezia sta collaborando con lo Jenner Institute della Oxord University alla messa a punto del prototipo di vaccino. Se non si verificheranno criticità e la sperimentazione proseguirà come previsto, dunque, "sarà rispettata - ha aggiunto Piero di Lorenzo - la tempistica già annunciata dallo stesso ministro della Salute Roberto Speranza".

La ripresa dei test dopo lo stop

approfondimento

Covid-19, vaccino Oxford: AstraZeneca riprende test in Gran Bretagna

Intanto AstraZeneca prosegue con i test in Gran Bretagna, fermati qualche giorno fa per la comparsa di un effetto indesiderato in uno dei partecipanti. Si era trattato, come ha spiegato l’azienda con sede a Cambridge, di un "processo standard che si attiva ogni volta che si manifesta un quadro clinico inatteso durante lo sviluppo clinico, che viene indagato per assicurare il mantenimento dell'integrità dello svolgimento dello studio".

Speranza: "Sul vaccino vinceremo la partita"

approfondimento

Vaccini antinfluenzali, approvata l'intesa Stato-Regioni

"C'è in corso sul vaccino un lavoro senza precedenti che ci porterà al successo. Questa partita l'uomo la vincerà. Poi vedremo se sarà Astra Zeneca o un'altra compagnia - sono le parole del ministro della Salute Roberto Speranza a Porta a Porta - Quel che è certo è che vogliamo in vaccino nel più breve tempo possibile e lo vogliamo sicuro. Noi non autorizzeremo mai un vaccino che non ha completato tutti gli step in maniera puntuale". Il ministro ha poi puntualizzato: "Quello di Oxford è uno dei sette vaccini su cui sta investendo l'Unione europea. Noi abbiamo un atteggiamento di pieno investimento perché riteniamo che quella del vaccino sia davvero una partita decisiva".

Salute e benessere: Più letti