Roma, spinse un uomo giù da Ponte Sisto: arrestato un 23enne

Lazio
©Ansa

Lo scorso luglio un 30enne precipitò dal ponte in circostanze non chiare. Dalle indagini, che si sono avvalse delle immagini delle telecamere di videosorveglanza, è emerso che l'uomo, dopo una colluttazione, venne spinto da un ragazzo che poi si diede alla fuga

ascolta articolo

I carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia Roma Trastevere hanno arrestato un 23enne originario del Marocco, accusato del tentato omicidio di un 30enne, anch’egli marocchino, che lo scorso luglio era precipitato su uno dei piloni di sostegno di Ponte Sisto, in circostanze non chiare.

L'episodio

Stando a quanto emerso dalle indagini, la vittima avrebbe incrociato nei pressi di Ponte Sisto il 23enne, senza fissa dimora e con precedenti, riconoscendolo quale presunto autore della rapina di uno zaino che aveva subito una settimana prima nella zona di piazza Venezia. Il 30enne, a quel punto, lo avrebbe avvicinato accusandolo del colpo. Si sarebbe così originata una colluttazione, durante la quale il 23enne avrebbe spinto l'uomo giù dal ponte, dandosi subito alla fuga. Nella caduta, il 30enne finì sul basamento del pilastro centrale del ponte, riportando varie fratture. Dopo i primi soccorsi, venne poi trasportato all'ospedale San Camillo, dove gli vennero diagnosticate lesioni giudicate guaribili in 40 giorni.

L'attività degli inquirenti

Le indagini dei carabinieri, partite dall'analisi dei filmati delle telecamere presenti nella zona, dall'audizione di testimoni e da una accurata attività informativa, hanno consentito di individuare nel 23enne il presunto responsabile del tentato omicidio. A supporto dell'accusa anche le comparazioni antropometriche effettuate dai Ris di Roma sui frame dei video che hanno ripreso la scena l'estate scorsa. I militari hanno notificato il provvedimento all'indagato nel carcere di Rebibbia, dove si trova già ristretto per altra causa.

Roma: I più letti