Peschereccio affondato a Fiumicino, urto in banchina probabile causa

Lazio

"Concluse le operazioni di ripristino del galleggiamento del Motopeschereccio Maria, le verifiche effettuate all'interno dell'unità e all'esterno dello scafo hanno accertato la presenza di una falla delle dimensioni di circa 20 centimetri sotto la linea di galleggiamento", fa sapere la guardia costiera

Potrebbe essere stato un accidentale urto in banchina a provocare l'affondamento del peschereccio "Maria", avvenuto ieri nel porto canale di Fiumicino. E' quanto emerge dopo le verifiche compiute dalla Capitaneria di porto di Roma sull'imbarcazione, di cui sono state completate le operazioni di recupero. Una ditta specializzata in operazioni subacquee ha chiuso temporaneamente la falla, consentendo il ritorno in galleggiamento del mezzo in vista del trasferimento presso un cantiere locale. 

"Presente una falla di circa 20 centimetri"

"Concluse le operazioni di ripristino del galleggiamento del Motopeschereccio Maria, le verifiche effettuate all'interno dell'unità e all'esterno dello scafo hanno accertato la presenza di una falla delle dimensioni di circa 20 centimetri sotto la linea di galleggiamento - fa sapere la guardia costiera - Nessuna traccia di danni è stata accertata all'interno del locale macchine. Dal quadro complessivo emerge come causa plausibile l'ipotesi di un evento accidentale legato ad un urto in banchina". 

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24