Coronavirus, nel Lazio 2.181 positivi, 133 ricoverati in terapia intensiva

Lazio

Lo rende noto la Regione. Nel bollettino quotidiano, lo Spallanzani ha reso noto che "nell'ambito del progetto regionale ospedale-territorio, è in atto un programma di monitoraggio della popolazione di Nerola, sede di un focolaio di Covid 19"

I pazienti attualmente positivi al covid19 nel Lazio sono 2.181, di cui 1.063 in isolamento domiciliare, 985 ricoverati in ospedale e 133 in terapia intensiva. Sono 124, invece, i decessi, 200 i guariti. 
Lo Spallanzani, in mattinata, nel suo bollettino quotidiano ha evidenziato che "i pazienti Covid-19 positivi sono in totale 210. Di questi, 25 pazienti necessitano di supporto respiratorio. In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 138". Nel frattempo, una dipendente del Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale è risultata positiva al coronavirus. Salgono a 132, invece, i contagiati nel Reatino. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:23 - Eseguiti ieri a Roma oltre 15mila controlli

Sono più di 15mila gli accertamenti eseguiti ieri dalla polizia locale di Roma Capitale per verificare il rispetto delle prescrizioni sugli spostamenti di pedoni e veicoli, ma anche controlli su attività commerciali, parchi, ville storiche e piste ciclabili. Stando a quanto reso noto, sono una decina gli illeciti riscontrati per il mancato rispetto delle restrizioni in vigore per contenere la diffusione del coronavirus. "Il numero dei comportamenti irregolari in questi ultimi giorni è nettamente diminuito e anche questa mattina ho potuto osservare una riduzione dei veicoli in circolazione”, sottolinea il Comandante Antonio Di Maggio. "I cittadini - ha aggiunto - stanno rispondendo in modo positivo e li ringrazio. Ognuno sta facendo dei sacrifici enormi ma adesso c'è un obiettivo da raggiungere: limitare il contagio e uscire al più presto da questo momento difficile. È fondamentale il contributo di tutti".

17:31 - Nel Lazio 2.181 positivi

Sono 2.181 i pazienti attualmente positivi al coronavirus nel Lazio. Di questi, 1.063 sono in isolamento domiciliare, 985 sono sono ricoverati non in terapia intensiva, 133 sono ricoverati in terapia intensiva. Sono 124 i pazienti finora deceduti e 200 le persone guarite. In totale sono stati esaminati 2505 casi. A fornire i dati è la Regione Lazio. 

16:59 - Sta bene il bimbo nato da madre positiva al Gemelli

Sta bene il bimbo nato giovedì mattina al Policlinico Gemelli di Roma da una mamma Covid positiva. A rassicurare sulle sue condizioni è il professor Giovanni Vento, direttore UOC di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale. Appena nato, il piccolo è stato trasportato nelle stanze a pressione negativa allestite nella pediatria del Gemelli e posto in incubatrice. Il primo tampone naso-faringeo, effettuato subito dopo la nascita, è risultato negativo. Ne verrà ripetuto un altro lunedì. Anche la mamma è in buone condizioni, nonostante presenti una polmonite da covid.

16:44 - In Ciociaria 42 altri positivi e due decessi

Si registrano 42 nuovi positivi al covid19 quest’oggi in provincia di Frosinone. Di questi, 25 sono riferibili ai cluster di Veroli e Cassino. Due i decessi all'ospedale Spaziani: si tratta di due uomini di 64 e 80 anni, entrambi con patologie pregresse. Ben 149 persone sono invece uscite dall'isolamento domiciliare. Tre, invece, i pazienti dimessi. All’ospedale di Frosinone saranno predisposti altri cinque posti-letto di terapia intensiva e venti di degenza ordinaria covid19. Sono i dati riferiti dalla Regione. 

16:17 - D'Amato: "Oggi 210 casi nel Lazio, 6 i decessi"

"Il dato di Roma città è il più basso da inizio settimana con 38 casi e per la prima volta ci sono ospedali nella capitale, come il San Giovanni, che nelle ultime 24 ore non hanno preso in carico nessun paziente positivo al Covid". Così l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, al termine della videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Per quanto riguarda la situazione generale, D'Amato afferma: "Oggi registriamo 210 casi di positività e un trend che si conferma sotto al 10 per cento per il secondo giorno consecutivo. Più del 40 per cento dei casi di oggi sono concentrati nelle province di Frosinone e Rieti (88 casi) e la maggioranza di questi casi è legata ai cluster delle case di riposo e residenze per anziani. Questi dati - prosegue - ci dicono che non bisogna abbassare la guardia, dobbiamo assolutamente continuare nelle misure di contenimento e nella più alta sorveglianza delle strutture per anziani che oggi rappresentano la vera frontiera dell'epidemia nella nostra regione".
L'assessore prosegue: "Continuano a essere in aumento i guariti, che nelle ultime 24 ore salgono di 36, arrivando a 200 totali. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 7.491 e si dimezzano i decessi che sono 6". Oggi sono in distribuzione presso le strutture sanitarie 200mila mascherine chirurgiche, 19.480 mascherine FFP2, 2.450 tute idrorepellenti, 20.500 guanti e 2.400 occhiali e 2620 calzari. Mentre la nuova app della Regione "LazioDrCovid", in collaborazione con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, ha già registrato oltre 70mila utenti e 1.800 medici di famiglia e 250 pediatri di libera scelta collegati

15:50 - Nel Reatino 46 nuovi positivi

"All'esito delle indagini eseguite nelle ultime ore si evidenziano 46 nuovi soggetti positivi al test Covid-19. I nuovi soggetti sono riconducibili ad alcune Case di cura, di Rieti e Greccio. Ulteriori indagini sono attualmente in corso sui suddetti campioni, i cui risultati saranno diffusi quanto prima. In provincia di Rieti salgono pertanto a 132 i soggetti positivi al test Covid-19". Lo rende noto il bollettino sanitario di oggi della direzione generale della Asl di Rieti. Ulteriori 97 soggetti "sono in sorveglianza domiciliare presso il proprio domicilio, mentre 35 sono ricoverati presso l'ospedale de' Lellis di Rieti". Sono attualmente in sorveglianza domiciliare 354 soggetti, di questi 328 sono asintomatici e 26 sintomatici sottoposti al test; 14 quelli usciti dalla sorveglianza domiciliare. "Proseguono - fa sapere l'Azienda sanitaria reatina - le indagini epidemiologiche del Servizio di Igiene pubblica (ISP) della Asl di Rieti, necessarie alla valutazione e verifica di eventuali casi sospetti, sul territorio della provincia di Rieti e nelle Case di riposo del reatino”.

15:48 - Asl Roma3: 17 nuovi casi

La Asl Roma 3, sulla pagina Facebook 'Salute Lazio’, ha comunicato che sono 17 i nuovi casi positivi, la maggior parte riferibili alla comunità religiosa Servi del Cuore Immacolato di Maria. "Sette pazienti sono guariti e 782 persone sono uscite dall'isolamento domiciliare" prosegue la Asl, che ha aggiunto: "All'ospedale Grassi si stanno attivando ulteriori 25 posti letto dedicati, di cui 8 di terapia intensiva covid 19, operativo da lunedì”.

15:45 - Regione Lazio: dalla prossima settimana Dpi a medici

"Poco fa c'è stata una telefonata con il Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi durante la quale è stato rinnovato l'impegno per una proficua collaborazione sia in relazione al tema della sicurezza sia per l'implementazione della piattaforma 'Lazio Doctor Covid' su cui c'è stato un contributo importante proprio del vice presidente dell'Ordine di Roma”. Lo ha reso noto l'Assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
“Inoltre - ha aggiunto - abbiamo rinnovato l'impegno reciproco a rafforzare la rete territoriale cosa che si sta facendo con l'impegno messo a disposizione dall'Ordine di Roma anche dei camper attraverso un protocollo operativo coordinato dall'Istituto Lazzaro Spallanzani. Con l'Ordine di Roma c'è la massima collaborazione e dalla prossima settimana inizierà la distribuzione dei dispositivi di protezione individuale”, ha annunciato D’Amato.

15:35 - Ricoverato bimbo positivo al Bambino Gesù

"Nuovo ricovero di un paziente positivo a Palidoro. Disponibilità ad accogliere al Gianicolo pazienti oncoematologici dal Policlinico Umberto I". Lo rende noto l'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma sulla pagina Facebook 'Salute Lazio’.

14:20 - Padiglione del San Filippo Neri diventa Covid Hospital

Parte oggi il Covid Hospital San Filippo Neri. L'intero Padiglione D sarà da oggi interamente dedicato ai pazienti positivi che necessitano di ricovero ospedaliero. Lo rende noto la Asl Roma 1. Nella nota si legge: "L'attivazione dei posti letto sarà progressiva. Oggi parte un primo reparto di venti posti letto a bassa e media intensità, cui si aggiungerà dal primo aprile un reparto totalmente dedicato alla medio-alta intensità con dieci posti letto, e via via si attiveranno altri due reparti di venti posti letto ciascuno. È inoltre presente una radiologia interna al Padiglione con una Tac interamente dedicata ai pazienti Covid. Al momento sono oltre 100 gli operatori coinvolti, con la costituzione di team multidisciplinari composti da pneumologi, internisti, cardiologi, anestesisti e rianimatori, radiologi, infettivologi. Per operare con la massima sicurezza sono stati definiti con cura i percorsi interni e la segnaletica, e tutti gli operatori sono stati formati alla vestizione e alla svestizione, e partecipato a momenti di informazione e condivisione delle misure organizzative necessarie all'attivazione del Covid Hospital".

14:04 – Raggi: “Caritas in difficoltà, donate”

“Con l'emergenza coronavirus la Caritas di Roma si è trovata a rinunciare a una somma importante su cui faceva affidamento per aiutare migliaia di famiglie in difficoltà, senzatetto, migranti. Si tratta di quel 'tesoretto' ricavato dalle monetine che ogni giorno i turisti lanciano nella Fontana di Trevi". Così su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi. "Con la città svuotata e senza i tanti visitatori a cui siamo abituati, anche quella somma è venuta meno - aggiunge - Una somma che Roma Capitale assegna loro dal 2005. Pensate che l'anno scorso sono state raccolte monetine per un totale di 1 milione e 400 mila euro. Questo è solo uno dei tanti effetti collaterali dell'emergenza. Per questo lancio un appello ai donatori per sostenere la Caritas che ha organizzato la raccolta fondi 'Vorrei ma non posso'”.

13:14 – Carabinieri consegnano tablet a 2 studenti

I carabinieri delle stazioni di Gavignano e di Gorga, due piccole frazioni di Colleferro (in provincia di Roma), hanno consegnato due tablet a due giovani studenti, un ragazzo e una ragazza 13enni che frequentano l'istituto del paese "Margerita Hack". Gli alunni hanno ricevuto l'inaspettata visita dei militari che, grazie all'iniziativa promossa dall'amministrazione comunale e dal loro professore, si sono subito adoperati, in questo momento emergenziale per tutelare il diritto allo studio dei 13enni.

13:04 – Vende mascherine senza marchio CE: denunciato

Nella tarda serata di ieri, nell'ambito dei controlli svolti per le misure del contenimento del contagio, gli agenti del commissariato Sant'Ippolito e del Commissariato San Lorenzo hanno notato un mini market nella zona di Casalbertone che era ancora aperto. I poliziotti sono quindi entrati nell'esercizio commerciale e hanno anche accertato che gli ultimi scontrini presentavano l'orario di battitura delle ore 19.11 e 20.27. Gli investigatori hanno inoltre visto che, vicino al registratore di cassa, c'era un involucro di plastica con dentro 42 mascherine di tipo chirurgico prive di marcatura della comunità europea (CE), nonché di istruzioni in lingua italiana. Alla richiesta degli agenti sulla provenienza della merce e della bolla di acquisto della stessa, il negoziante, un 37enne bengalese, ha dichiarato di averla ricevuta da un suo amico di nazionalità cinese. Il materiale è stato sequestrato e il titolare del locale denunciato.

12:35 – “Costa Diadema” in rada di fronte a Santa Marinella

La nave da crociera 'Costa Diadema' è arrivata questa mattina sulle coste del Lazio, e si trova al momento in rada di fronte a Santa Marinella, cioè qualche chilometro a sud di Civitavecchia dove potrebbe attraccare nelle prossime ore. Dal Comune di Civitavecchia si attendono le decisioni del governo in questo senso. A bordo della nave, proveniente da Dubai, ci sarebbe solo l'equipaggio. Il sindaco Ernesto Tedesco si è detto più volte contrario all'arrivo dell'imbarcazione nella sua città, "tanto più alla luce delle ventilate probabilità che sulla Diadema vi sia un numero consistente di persone positive" spiegava solo ieri pomeriggio. Dalla nave, qualche giorno fa, è stato sbarcato a Cipro un marittimo positivo al test del coronavirus.

12:31 – Sindaco di Fiumicino: “Invariato il numero di contagi”

Nel comune di Fiumicino resta invariato il numero di contagiati, 17, ma aumenta il numero delle persone in sorveglianza attiva, pari a 119. "Alle 10.40 di oggi la Asl RM3 mi ha comunicato gli aggiornamenti sulla situazione di Fiumicino - dichiara il sindaco Esterino Montino - I positivi residenti in città sono 17 e le persone in sorveglianza attiva sono 119. L'aumento delle persone in quarantena è dovuto alle indagini epidemiologiche che la Asl sta continuando a fare e che hanno portato ad estendere il numero dei contatti stretti delle persone attualmente positive". "Intanto in queste ore il mio staff ha iniziato la distribuzione delle mascherine che sono arrivate ieri dalla Regione Lazio - continua Montino - Come spiegato, abbiamo utilizzato dei criteri di priorità individuando le categorie più esposte e per più tempo a contatto con il pubblico. Purtroppo non abbiamo mascherine per tutti i cittadini e le cittadine di Fiumicino che, ricordo, sono 82 mila. Quindi abbiamo dovuto scegliere delle priorità". "Le squadre preposte, infine, stanno continuando con la sanificazione delle strade iniziata ieri - conclude il sindaco - Rinnovo il mio appello a tutte e a tutti a restare a casa. Uscite solo ed esclusivamente per necessità improrogabili, fate la spesa sufficiente per diversi giorni e andate al supermercato uno per famiglia rispettando la distanza di almeno 1 metro tra le persone. È fondamentale rispettare queste regole, per quanto possa essere difficile e stressante non muoversi di casa. Un sacrificio necessario per contrastare il contagio e uscire da questa situazione prima possibile".

12:18 – L'Unità di Crisi: “Proseguono i controlli nelle case di riposo”

"Proseguono i controlli in tutta la Regione nelle case di riposo, sono la priorità numero uno. I cluster maggiormente attenzionati continuano ad essere quelli di Frosinone (Veroli e Cassino) e quelli di Rieti", comunica in una nota l'Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio. "Sono cluster di comunità che vanno isolati e messi in sicurezza - prosegue la nota - I numeri che vediamo oggi sono l'effetto di mancate azioni, da parte delle Residenze per Anziani, in ottemperanza delle prescrizioni che erano state date dal servizio sanitario regionale già dal febbraio scorso. È stata avviata una verifica sulle strutture di Roma in collaborazione con il Prefetto. Si è concluso infine lo svuotamento della casa di riposo di Via Galeffi a Roma. L'incidenza dei cluster delle case di riposo è determinante nei numeri della nostra regione - conclude la nota-. Pertanto è fondamentale mantenere alta l'attenzione attuando tutte le misure disposte".

12:04 - Lo Spallanzani: "210 pazienti positivi ricoverati" 

"I pazienti Covid-19 positivi sono in totale 210. Di questi, 25 pazienti necessitano di supporto respiratorio. In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 138". Questo è quanto si evidenzia nel bollettino di oggi dello Spallanzani di Roma. Poi: "Nell'ambito del progetto regionale ospedale-territorio, coordinato dall'istituto Spallanzani, in collaborazione con l'Ordine dei Medici di Roma e Confcooperative, d'intesa con la direzione della Asl Roma 5, è in atto un programma di monitoraggio della popolazione di Nerola, sede di un focolaio di Covid 19".

11:04 - Si allontana da quarantena, bloccata in aeroporto Fiumicino

Una donna, di origini straniere, che era soggetta a quarantena perché entrata in contatto con una o più persone positive al coronavirus, si è allontanata dalla zona di Rieti ed è stata bloccata questa mattina all'aeroporto di Fiumicino, prima di effettuare il check-in e dove era intenzionata a partire per gli Stati Uniti, dopo aver regolarmente acquistato un biglietto per il volo Az 608 diretto a New York. 

8:11 - In Campidoglio una dipendente positiva

Una dipendente del Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale è risultata positiva al Coronavirus. Sono state immediatamente disposte la chiusura e l'igienizzazione dei locali dove lavora la dipendente, che si trovano in un'area separata dal resto della struttura. La dipendente risultata positiva era assente dal lavoro già dal 12 marzo scorso.

Roma: I più letti