Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Clochard ucciso a Roma, fermata l'automobilista pirata

2' di lettura

Gli agenti della polizia locale hanno fermato una donna di 56 anni, sarebbe stata lei alla guida dell'auto che ha travolto e ucciso Gino Munari, detto Nereo, clochard amato dal quartiere

È stata rintracciata e fermata dalla polizia locale la donna alla guida dell'auto che lo scorso lunedì 7 gennaio, in Corso d'Italia, avrebbe travolto e ucciso Gino Murari, 74 enne senza fissa dimora, di origine veronese, amato e rispettato da tutto il quartiere Pinciano. L'automobilista è una donna italiana di 56 anni che dopo l'incidente sarebbe scappata senza prestare soccorso. E' stata fermata nei pressi del luogo dove lavora mentre si trovava vicino all'auto individuata come la macchina che ha travolto l'uomo. È stata ascoltata per diverse ore. La donna abita in periferia e ogni giorno si reca in centro perché effettua le pulizie in diversi uffici. Il compagno, una guardia giurata, in passato sembra abbia conosciuto Nereo perchè anche lui lavorava in zona Corso d'Italia.

Le indagini

La polizia locale del Gruppo Parioli ha fermato la donna che il 7 gennaio scorso sarebbe stata al volante dell'auto che ha travolto e ucciso Munari. Le indagini degli agenti sono partite dall'analisi di un filmato, acquisito nelle ore immediatamente successive all'incidente. Attraverso un'attività di ricerca, la polizia locale ha ricostruito l'intero percorso effettuato dall'auto, è stato individuato il modello della macchina, una Smart di colore scuro, e il luogo in cui si è fermata, in via Toscana, poco distante dal punto dell'investimento. La 56enne è accusata di omicidio stradale, con fuga ed omissione di soccorso. La donna avrebbe detto di non essersi accorta di aver investito l'uomo: "Ho sentito che qualcosa era finita sull'auto, ma non pensavo fosse una persona", si sarebbe giustificata.

La storia di Gino Munari

Gino Munari, di origini venete, noto anche come Nereo, era molto conosciuto e amato dagli abitanti del quartiere Pinciano. Durante la notte Nereo trovava riparo in una tenda, in compagnia della sua cagnolina Lilla, che lo ha vegliato anche quando è rimasto sull'asfalto privo di vita. L'anziano clochard era noto per la sua passione per i libri e per la sua grande dignità che gli impediva di accettare denaro. Munari riceveva libri per sé e croccantini per la cagnolina, o accettava colazioni o pasti offerti dai volontari. Più di una persona nei pressi del luogo dell'incidente, ha lasciato fiori e biglietti in suo ricordo.

Data ultima modifica 16 gennaio 2019 ore 15:15

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"