Giancarlo Giorgetti, chi è il nuovo ministro dello Sviluppo Economico del governo Draghi

Politica
©Ansa

Numero due della Lega e braccio destro di Matteo Salvini, è considerato il mediatore che ha favorito la svolta del leader del Carroccio alla virata europeista. Nato in provincia di Varese, esperto di conti, è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri nel primo governo Conte

Giancarlo Giorgetti è il nuovo ministro dello Sviluppo Economico nel governo Draghi (TUTTI I MINISTRI DEL GOVERNO DRAGHI). Numero due della Lega e braccio destro di Matteo Salvini, è considerato il mediatore che ha favorito la svolta del leader della Lega alla virata europeista, ma ritenuto da mesi uno strenuo sostenitore di un governo Draghi. Il suo endorsement è arrivato forte e chiaro all'indomani dell'incarico dato all'ex presidente della Bce dal Capo dello Stato: "Draghi è un fuoriclasse come Ronaldo. Uno come lui non può stare in panchina", aveva detto Giorgetti dopo la segreteria della Lega.

Chi è Giorgetti

Nato a Cazzago Brabbia (Varese) il 16 dicembre 1966, si è diplomato perito aziendale e laureato alla Bocconi, diventando commercialista e revisore contabile. Ma è l'attività politica, targata Lega Nord, a coinvolgerlo già prima dei 30 anni. Entra in Parlamento nel 1996 e non vi esce più, ricoprendo il ruolo di presidente della commissione Bilancio della Camera dal 2001 al 2006 e dal 2008 al 2013. Di fatto è nella Lega tra gli uomini che conoscono meglio i conti pubblici e l'economia. Schivo, riflessivo, pontiere nato, Giorgetti si occupa da decenni dei rapporti con gli altri partiti ma ne è anche un po' l'ambasciatore presso le più alte istituzioni e le sedi diplomatiche straniere.

I ruoli istituzionali

vedi anche

Governo, Mario Draghi legge la lista dei ministri al Colle. VIDEO

Già uomo macchina della Lega Nord di Umberto Bossi, Giorgetti è stato segretario nazionale della Lega Lombarda dal 2002 al 2012, nonché capogruppo per la Lega Nord alla Camera nella XVII legislatura dal 2013 al 2014 e nella XVIII. Nel 2013, tra l'altro, viene nominato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano membro del Gruppo dei Saggi. Diversi i provvedimenti in cui c'è stata la sua impronta, dalla legge 40 sulla procreazione assistita alla manovra economica varata nella convulsa estate del 2011. Nel primo governo Conte è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, un ruolo chiave nel quale ha gestito tutti i più importanti dossier dopo che si era distinto anche allora come uomo in grado di mediare tra le diverse forze politiche, uno dei protagonisti della trattativa per la costituzione dell'esecutivo giallo-verde.

I rapporti con Salvini

Uomo forte che porta avanti le proprie convinzioni, nel settembre 2020 ha deciso di votare convintamente 'no' al referendum costituzionale per il taglio dei parlamentari, contrariamente alla linea del partito. Spesso interpellato sulle voci di dissidi e contrasti con Salvini, Giorgetti ha sempre smentito qualunque disaccordo.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24