Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Violenza sulle donne, Bonafede: “Pene più dure per stalking, abusi e maltrattamenti”

i titoli di sky tg24 delle 18 del 18 marzo

2' di lettura

Il ministro della Giustizia, in un’intervista, annuncia una serie di provvedimenti inseriti nel prossimo pacchetto di misure anti-violenza. “Per stare dalla parte delle donne non servono parole ma fatti”. In arrivo anche il “codice rosso” ideato con Giulia Bongiorno

Pene più dure per le violenze sessuali, per i maltrattamenti in famiglia e lo stalking. "Perché, per stare dalla parte delle donne non servono le parole, ma i fatti". Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, in un’intervista a Repubblica, ha annunciato una serie di provvedimenti che saranno inseriti nel prossimo pacchetto di misure anti-violenza.

In arrivo pacchetto di norme

“Su un tema così importante, su cui c'è un dramma culturale e sociale che si consuma ogni giorno, la risposta non deve essere nelle parole ma nei fatti”, ha detto Bonafede che aggiunge: “Io e la mia maggioranza abbiamo il dovere di dare una risposta netta per tutelare le donne. E la risposta il legislatore deve darla con le leggi e con i fatti”. Il ministro ha ricordato che "in questi giorni è in discussione in Parlamento il cosiddetto codice rosso, scritto a quattro mani con Giulia Bongiorno. Ma - prosegue - adesso il M5s aggiungerà un pacchetto di poche norme che  serviranno per dare una prima risposta immediata a questo dramma. Norme su cui mi auguro si raggiunga l’unanimità".

Il codice rosso

"Il codice rosso è un pacchetto di norme blindato - osserva Bonafede - e già segna una svolta importante perché la donna che trova il coraggio di denunciare viene presa per mano subito dallo Stato, attraverso magistratura e forze dell’ordine". Ma il M5s vuole aggiungere un pacchetto che prevede integrativo di provvedimenti tra cui l'aumento di pena per il reato di violenza sessuale. "Anziché 5-10 anni passiamo a 6-12. Altri aumenti sono previsti per i maltrattamenti in famiglia e lo stalking, in modo, nei casi gravi, di dare termini più lunghi per le fasi cautelari e quindi  proteggere la vittima". Sul convegno di Verona sulla famiglia il ministro rivela che "non ci andrei mai, lì qualcuno ha le lancette dell'orologio indietro di qualche secolo".

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"