Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Giustizia, appunti estivi da via Arenula

2' di lettura

Le riforme strutturali che il governo vuole affiancare alla manovra di bilancio riguardano soprattutto il pianeta giustizia. Ecco il piano, a metà agosto.

Giuseppe Conte ha festeggiato i suoi 54 anni con una conferenza stampa. I gusti sono gusti e amen. Ha insistito molto il premier sulle riforme strutturali che faranno da base alla legge di bilancio e che ne esalteranno le capacità di produrre sviluppo sociale, pil, occupazione. Sono la riforma del codice di procedura civile, nuove norme anti corruzione, tempi più brevi (magari certi) per i processi civili. Temi e problemi di cui la politica parla da anni, drammaticamente non risolti. Temi e problemi che riguardano il ministro della Giustizia, soprattutto. Mi è venuta la curiosità di capire meglio cos’è che vuole fare Alfonso Bonafede. In cerca di fonti a via Arenula, ne ho trovata una qualificata assai. Questi appunti sono ciò che resta della chiacchierata.

Il metodo, intanto. È quello “del segno meno”. Togliere norme, innanzitutto. O sostituirle con un numero inferiore. Mica nuovo, penso. C’erano una volta il ministero della Semplificazione e i roghi delle leggi. C’è da sperare in miglior fortuna. E migliori risultati.

La lunghezza dei processi. Qui sono convinti che i processi si svolgano secondo troppi riti diversi. E che i procedimenti, così come sono, prevedono troppe udienze. Procedimenti con meno udienze significa abbreviare, automaticamente, i processi. In particolare, l’intenzione è quella di adeguare il numero di udienze alla complessità dell’istruttoria, evitando percorsi standard la cui lunghezza è spesso ingiustificata. Gli atti dai quali nascono i procedimenti, la citazione e il ricorso, anche quelli sono troppi. Rimarrà solo il ricorso.

La lotta alla corruzione. Ci saranno gli agenti infiltrati (quelli che sotto copertura si inseriscono in ambienti e procedure a rischio corruzione) ma non ci sarà il cosiddetto “agente provocatore” (chi propone comportamenti illegali per testare l’onestà degli operatori). Ci sarà il Daspo, i condannati per corruzione in via definitiva non potranno più lavorare con le amministrazioni pubbliche. L’Anac non è un problema, anzi. Va potenziata, in risorse umane e finanziarie.

La politica carceraria. Ci sarà una stretta sulle misure alternative al carcere ma una maggiore attenzione alle condizioni di vita all’interno degli istituti di pena. Formazione e lavoro saranno gli strumenti principali della rieducazione. Tramite un accordo con Autostrade, per esempio, saranno gruppi di detenuti a riempire le buche di Roma. Se succede davvero, penso, sarà contento Keynes e soprattutto i romani.

Ps. A distanza di pochi giorni, Renzi ribadisce che loro “torneranno presto”. Perché? Boh.

Consigli per l’ascolto: “Carcerato”, Alberto Sordi

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"