Casaleggio: “Partiti moribondi, il M5S continuerà a crescere”

Davide Casaleggio (Getty Images)
3' di lettura

Il presidente della piattaforma Rousseau ha scritto un intervento sul Washington Post, in cui definisce il Movimento "la prima grande compagine politica digitale al mondo"

“Il movimento è inarrestabile e continuerà a crescere” perché rappresenta “una vera democrazia” e non “partiti moribondi”. Lo ha scritto Davide Casaleggio in un intervento pubblicato dal Washington Post e riportato in versione italiana sul Blog delle Stelle.

“Partiti obsoleti”

“In una delle prime dichiarazioni dopo il voto del 4 marzo, Luigi Di Maio ha detto che 'non si può fermare il vento con le mani'. Il MoVimento 5 Stelle – scrive Casaleggio - è un vento inarrestabile che continuerà a crescere, perché appartiene al futuro. I cittadini chiedono una vera democrazia, esprimono direttamente la loro voce e non sono più ostacolati dall'establishment”. Casaleggio, definito dal Washington Post “uno dei top leader del Movimento”, descrive le ultime elezioni come “un successo storico tra le democrazie occidentali grazie all'utilizzo di Internet. Il Movimento – continua il presidente della piattaforma Rousseau - è oggi la prima grande compagine politica digitale al mondo” e “la prova di come la Rete abbia reso obsoleti e diseconomici i partiti e più in generale i precedenti modelli organizzativi”.

Blockchain e un milione di iscritti

Casaleggio ha poi spiegato alcuni elementi di Rousseau, la piattaforma sulla quale gli iscritti votano e propongono provvedimenti. “I nostri parlamentari sono stati scelti attraverso delle votazioni online e non al chiuso di una stanza come hanno fatto i partiti. L'Associazione Rousseau è riuscita a presentare circa 20 proposte legislative in Parlamento, tutte votate dai cittadini online”. Tra i prossimi obiettivi di Rousseau , Casaleggio è tornato a parlare di blockchain, il database nato con Bitcoin ma ormai aperto ad altre applicazioni: “Consentirà una certificazione di tutte le votazioni online e un meccanismo di voto più solido. Ma immaginiamo anche un percorso di selezione meritocratico attraverso la Rousseau Open Academy, che ci assicurerà di schierare candidati di altissima qualità”. Nell'ultima tornata di “parlamentarie” (la procedura con cui scegliere i candidati), gli iscritti hanno espresso circa 40mila preferenze. Il traguardo è “ottenere un milione di iscritti”.

Leggi tutto
Prossimo articolo