Mattarella: "Bisogna costruire il futuro del Paese senza egoismi"

2' di lettura

Il capo dello Stato ha ricevuto al Quirinale i nuovi Alfieri della Repubblica, un gruppo di ragazzi che si sono distinti nella promozione del bene comune e nella solidarietà: "Ho grande fiducia nel futuro dell'Italia e voi ne siete una delle ragioni"

"Ho grande fiducia nel futuro dell'Italia e voi ne siete una delle ragioni". Lo ha detto il capo dello Stato Sergio Mattarella ricevendo al Quirinale i nuovi Alfieri della Repubblica: "Bisogna essere protagonisti e costruire il futuro del Paese senza egoismi". Durante la cerimonia grande attenzione al tema dell'ambiente: "Avete promosso iniziative per difendere l'ambiente, per salvare centri storici, per difendere aree naturali, impegnati per la tutela di beni: è una delle più grandi sfide della nostra epoca".

Il discorso ai giovani

Rivolgendosi ai ragazzi premiati per essersi distinti in attività di solidarietà, il presidente ha spiegato che i giovani hanno dimostrato "di sentire corresponsabilità per le sorti comuni dell'Italia". Estendendo il ragionamento, Mattarella ha aggiunto che bisogna "comprendere che occorre essere protagonisti e costruire il futuro del Paese senza chiudersi nella propria dimensione personale, magari con egoismo".

La cerimonia di premiazione

Sergio Mattarella ha consegnato 29 attestati e distintivi d'onore: i premiati sono giovani, nati tra il 1999 e il 2007, che rappresentano modelli positivi di cittadinanza e che sono esempi dei molti ragazzi meritevoli presenti nel nostro Paese. Secondo una nota diffusa dal Quirinale quest'anno è stato dedicato ampio spazio a quanti si sono impegnati per la promozione dell'ambiente, inteso sia come salvaguardia del territorio sia come sviluppo del patrimonio culturale e sociale. La tutela e la valorizzazione dell'ambiente richiedono conoscenze, passione e una visione del futuro che le giovani generazioni mostrano spesso di avere. Accanto ai 29 attestati d'onore, Mattarella ha poi voluto riconoscere il merito di tre iniziative collettive assegnando loro una targa.

Data ultima modifica 12 marzo 2018 ore 13:00

Leggi tutto
Prossimo articolo