Qual è il ruolo del parlamento nella formazione del governo?

Politica

Ecco come e quanto incidono Camera e Senato nella composizione di un nuovo esecutivo. In vista del voto del 4 marzo, con "Io voto perché" Sky TG24 chiede agli italiani che hanno deciso di andare a votare di far sentire la loro voce. LO SPECIALE ELEZIONI

Non sempre e, spesso con scarsi risultati, ci si chiede quanto Camera e Senato incidano sul Governo, sulla sua formazione e sulla sua attività. E non solo. Dopo aver visto cos’è e cosa fa il Parlamento e in cosa consiste l'attività del parlamentare,  ecco qual è il suo ruolo e il suo peso specifico nella formazione di un nuovo esecutivo. (LO SPECIALE ELEZIONI)

Chi conferisce l’incarico per formare l’Esecutivo? Cosa succede dopo?

I tempi e le scadenze di legge prevedono che entro 20 giorni dal voto venga convocata la prima riunione delle Camere. Da quel momento si procede all'elezione dei due Presidenti. Quindi è la volta della formazione dei gruppi parlamentari. Una volta eletti i presidenti di Camera e Senato, si procede con le consultazioni, nel corso delle quali il Capo dello Stato incontra le varie delegazioni. La prassi recente vuole che assieme ai capigruppo di Camera e Senato nella delegazione sia presente anche il leader del partito.

A cosa servono le Consultazioni?

Le consultazioni vengono fatte perché poi saranno i gruppi presenti in Parlamento a votare o meno la fiducia al Governo. L’incarico di formarlo è assegnato dal Presidente della Repubblica dopo un lavoro di ascolto, mediazione e di conteggio dei numeri: le consultazioni, appunto. Non è detto che sia sufficiente un giro di incontri, soprattutto nel caso in cui le elezioni non abbiano indicato una chiara maggioranza di governo. L’obiettivo del Quirinale - laddove possibile - resta sempre quello di dare un Governo stabile al Paese.

Quando inizia l’attività del Parlamento e che strumenti possiede?

Una volta insediato e dopo aver votato la fiducia, il Parlamento inizia la sua attività di indirizzo. Ci sarà una maggioranza che sostiene l’esecutivo e un'opposizione (o più di una). Tra gli strumenti in suo possesso ci sono ordini del giorno e mozioni, con le quali dà le sue indicazioni. Inoltre, il Parlamento può disporre poi di interpellanze e interrogazioni con le quali chiede spiegazioni, sempre al governo, e informazioni sulla sua attività.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24