Elezioni 2018, Prodi punta su "Insieme". E loda Gentiloni

4' di lettura

Le parole dell’ex presidente del Consiglio a un incontro elettorale a Bologna. La replica del capo del governo uscente: “Noi siamo nati come Ulivo sotto leadership di Romano, per andare al governo. Quella resta la nostra ispirazione”. LO SPECIALE

L’ex presidente del Consiglio, Romano Prodi, ha espresso il proprio riconoscimento a Paolo Gentiloni per il lavoro svolto alla guida del governo. "C'è una certa commozione nel tornare a un'assemblea politica dopo quasi nove anni. E c'è commozione per il riconoscimento a Paolo (Gentiloni, ndr) per il lavoro che sta svolgendo in un momento difficile in cui dobbiamo mostrare un Paese sereno, che ha idee chiare, che riconosce i propri limiti e i propri meriti nell'ambito europeo e ricostruisce un ruolo per avere una influenza nel mondo, per essere l'Italia che noi vogliamo: sana, forte, rigorosa", ha detto il fondatore dell’Ulivo intervenendo a Bologna ad un incontro elettorale della lista “Insieme “ in vista dell’election day del 4 marzo (LO SPECIALE). In platea era presente anche il capo del governo Gentiloni che ha subito risposto: "Noi siamo nati come Ulivo sotto la leadership di Romano Prodi, per andare al governo. Quella resta la nostra ispirazione, il nostro impegno, anche dopo vent'anni”.

Renzi pubblica foto con Gentiloni: clima cambia, Pd sarà primo

Dalla sua pagina Facebook, intanto, Matteo Renzi assicura che il Pd sarà il primo partito: "Il clima sta cambiando, c'è tanta voglia di serietà in questo Paese. E' proprio per questo che il Pd sarà il primo gruppo parlamentare, il primo partito. Avanti", scrive il segretario Dem, che pubblica una foto che lo ritrae con Paolo Gentiloni e sotto la scritta 'Governare il Paese', contrapposta a una foto di Beppe Grillo e Luigi Di Maio bendati e la scritta 'Fare cabaret'. "O così o Pd", è lo slogan che compare sopra la combo.

Prodi: "Sostegno a Insieme"

Prodi che non partecipava ad una kermese politica da 9 anni, sceglie invece il palco di "Insieme" per fare un vero e proprio endorsment per l'ex capo di governo. "Oggi ho rotto un lungo silenzio, perché mi sentivo in dovere di sottolineare l'importanza della scelta e il dovere di sostenere la coalizione di centrosinistra, in particolare gli amici di 'Insieme' perché portano avanti gli stessi valori che sono stati alla base dell'Ulivo e che io profondamente condivido: minore disuguaglianza e una forte presenza in Europa", ha detto Prodi.

Prodi: “L’alleanza deve andare all’attacco”

Per Prodi, quella di centrosinistra "non può essere un'alleanza difensiva. La grande politica va all'attacco, fiduciosi, con serenità. In una lista - ha aggiunto riferendosi ad un concetto ampio di coalizione - vi devono essere differenze, ma non divaricazioni che abbiamo nella coalizione di destra e vaghezza dei Cinquestelle. Qualcosa di assolutamente impossibile: poche settimane dopo le elezioni c'è da andare a Bruxelles. Impossibile che nello stesso governo ci siano europeisti e antieuropeisti. Lega e Fi - ha concluso Prodi - hanno linee assolutamente divergenti: abbiamo la necessità di stare insieme, avere senso del futuro, capire i grandi cambiamenti del mondo, di interpretarli".

Gentiloni: “Prodi è un leader che può dare a tutti noi ispirazione”

Gentiloni, parlando dal palco della lista “Insieme”, che raggruppa Verdi, socialisti e i “prodiani” di Area Civica, ha sottolineato la "generosità di Romano Prodi a partecipare a questa iniziativa. Credo che il fatto che noi siamo qui insieme sia molto importante". "Abbiamo vinto due volte con Romano, non sempre riusciamo a vincere. Negli ultimi anni di Prodi mi ha sempre colpito questa sua straordinaria capacità di tenere insieme radici del territorio e la visione globale", di ampio respiro internazionale. "Al di là" dei ricordi "della bella stagione - ha concluso Gentiloni - Prodi è un leader che può dare a tutti noi ispirazione".

Leggi tutto
Prossimo articolo