Bori, rimuovere i manifesti pro vita

Umbria
344eaaa637835298bde74671ebeae222

Per capogruppo Pd "attacco oscurantista alle donne"

(ANSA) - PERUGIA, 09 DIC - "Non sono manifesti pro-vita, ma anti-scienza e contro la libertà di scelta. Serve l'immediata rimozione dei manifesti apparsi a Perugia contro la pillola Ru486, un attacco inaccettabile, vergognoso e oscurantista nei confronti dei diritti delle donne": così il capogruppo del Partito democratico, Tommaso Bori, relativamente ai manifesti apparsi in città. "Dopo aver tentato di impedire l'accesso all'interruzione di gravidanza farmacologica con una delibera della Giunta regionale, ora si torna alla carica puntando sul sensazionalismo, la disinformazione e il terrore" aggiunge.
    Per Bori "si tratta di manifesti dal contenuto grave e intimidatorio nei confronti delle donne e dei medici".
    "Sostenere che un farmaco, autorizzato dagli organismi preposti, sia un veleno - sostiene - che costringe le donne ad una procedura lunga, dolorosissima e che le espone a riconoscere il figlio innegabilmente 'nelle proprie mani o nel wc', così come riportato in una nota dell'associazione, è morboso e crudele, oltre che falso. E per questo chiediamo che vengano rimossi: siamo di fronte ad una maxi operazione di pubblicità ingannevole. La battaglia politica e ideologica non può essere combattuta sulla pelle delle donne, sui loro diritti e sulle loro conquiste di libertà e autodeterminazione. Un tentativo deleterio e pericoloso - conclude Bori - che rischia di essere una vera forma di violenza psicologica". (ANSA).
   

Perugia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24