Palermo, scoperta serra tecnologica con quasi 900 piante di marijuana

Sicilia
©Ansa

Il provvedimento di arresto è stato convalidato dal giudice che ha revocato il beneficio economico del reddito di cittadinanza percepito dalla coniuge

Coltivava marijuana in una serra tecnologica e la moglie percepiva il reddito di cittadinanza. La polizia ha così arrestato un uomo di 27 anni, incensurato, accusato dei reati di coltivazione di marijuana e furto di energia elettrica. Gli agenti hanno trovato una coltivazione indoor in un casolare. Al piano seminterrato, estesa su una superficie pari a circa 600 metri quadri, sono state trovate 891 piante. La coltivazione aveva dispositivi, quasi tutti di ultima generazione, utilizzati per far crescere la serra: filtri a carbonio, voluminosi impianti di areazione, di essiccazione e di illuminazione, condizionatori e pompe di calore necessari a riprodurre il microclima propizio alla crescita del vegetale.

La ricostruzione dei fatti

I tecnici, anche quelli dell'Enel, hanno stimato che il valore di impianti e dispositivi, elettronici e meccanici, si aggirasse sui 90mila euro. Ed è stato trovato, interrato, l'allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica. Lo stupefacente se immesso nel mercato avrebbe avuto un valore stimato sui 200mila euro. Il provvedimento di arresto è stato convalidato dal giudice che ha revocato il beneficio economico del reddito di cittadinanza percepito dalla coniuge.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24