Voragine in via Cruillas a Palermo profonda 16 metri: nessun ferito

Sicilia

"Si tratta di un pozzo artificiale, di dimensioni 1,5 metri e profondo 16 metri, realizzato tantissimi anni fa, successivamente tombato", spiegano il consigliere comunale del gruppo "Avanti Insieme", Massimo Giaconia e il vicepresidente della Sesta Circoscrizione, Roberto Li Muli, in una nota

Una voragine di circa un metro e mezzo di diametro e profonda oltre 16 metri si è aperta in via Cruillas, davanti al civico 60, a Palermo. Sul posto ieri sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno utilizzato una speciale telecamera per ispezionare la spaccatura e accertare la causa del cedimento. La zona è stata messa in sicurezza ed è previsto un intervento dei tecnici comunali per ripristinare il tratto di strada. Non si registrano feriti.

Le cause del cedimento

Il consigliere comunale del gruppo "Avanti Insieme", Massimo Giaconia e il vicepresidente della Sesta Circoscrizione, Roberto Li Muli, in una nota spiegano che la voragine si è creata diversi giorni fa. "Si tratta di un pozzo artificiale, di dimensioni 1,5 metri e profondo 16 metri, realizzato tantissimi anni fa, successivamente 'tombato' con una copertura che molto probabilmente ha ceduto a causa di ripetuti scavi per la posa di sottoservizi". Intanto, aggiungono i consiglieri, la Rap ha provveduto al ripristino del transennamento, e nei prossimi giorni, al massimo entro lunedì, provvederà come disposto dal Comune, al riempimento della cavità e della sistemazione della pavimentazione stradale. Immediatamente dopo l'Amat potrà ripristinare la linea 529 del bus che transita da via Cruillas. 

La voragine a Palermo
La voragine a Palermo - Ufficio stampa vigili del fuoco

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.