Catania, mafia: confiscati 40 milioni di euro di beni a "re imballaggi

Sicilia
©Ansa

Sigilli sono stati posti a sette società e imprese individuali del Ragusano operanti nel settore dell'ortofrutta e del packaging; a 18 fabbricati, tra unità abitative e capannoni; a 16 appezzamenti di terreno in provincia di Ragusa; a un'autovettura e un motociclo

Beni per 40 milioni di euro sono stati confiscati dalla guardia di finanza di Catania all'imprenditore Emanuele 'Lele' Greco, che, secondo l'accusa, "tramite l'appoggio delle famiglie mafiose gelesi riconducibili a Cosa Nostra" sarebbe "riuscito a imporsi nel mercato degli imballaggi di cartone".

Il provvedimento

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catania. Greco, ricostruisce la Procura di Catania, è stato condannato in via definitiva per sequestro di persona, estorsione, furto, porto e detenzione di armi. Arrestato nel 2019 dal nucleo Pef della guardia di finanza nell'ambito dell'operazione 'Ghost Trash', è stato rinviato a giudizio per "aver fatto parte di 'Cosa nostra' e, in particolare, del clan Rinzivillo, operante a Ragusa e Caltanissetta". Secondo la Dda etnea l'imprenditore avrebbe "costituito un patrimonio societario e immobiliare grazie ai proventi delle attività illecite di estorsione, rapina e riciclaggio, riuscendo inoltre, tramite l'appoggio delle famiglie mafiose gelesi riconducibili a Cosa Nostra, a imporsi nel mercato degli imballaggi di cartone". Sigilli sono stati posti a sette società e imprese individuali del Ragusano operanti nel settore dell'ortofrutta e del packaging; a 18 fabbricati, tra unità abitative e capannoni; a 16 appezzamenti di terreno in provincia di Ragusa; a un'autovettura e un motociclo.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.