Catania, mette telecamera in bagni del suo liceo: arrestato studente

Sicilia
Foto di Archivio (ANSA)

Il ragazzo, di 20 anni, ha ammesso le proprie responsabilità e si è giustificato spiegando che la sua intenzione era fare uno scherzo a un amico 

A Catania uno studente di 20 anni di un liceo è stato arrestato, ed è ora ai domiciliari, dalla poliza con l'accusa di aver piazzato una microtelecamera all'interno di uno dei bagni maschili di fronte a una classe di primo anno. Il ragazzo ha ammesso le proprie responsabilità e si è giustificato spiegando che la sua intenzione era fare uno scherzo a un amico. A chiamare la polizia è stato il preside dell'Istituto, che aveva ricevuto delle segnalazioni dagli studenti.

Le accuse

Il Gip ipotizza i reati di produzione e detenzione di pornografia minorile e per interferenze illecite nella vita privata. Nel computer e nello smartphone del 20enne gli agenti avevano trovato immagini e video di pornografia minorile, anche di bambini in età infantile. Su questo materiale, trovato appunto sui suoi dispositivi elettronici, sono in corso ulteriori accertamenti.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24