Napoli, sequestrati 3.456 pillole "anti Covid"

Campania
©LaPresse

Trovate 144 confezioni di farmaci nel negozio di un parrucchiere, smistati come dispositivi sanitari per la lotta contro il Coronavirus

A Napoli la guardia di finanza ha sottoposto a sequestro, nel quartiere Gianturco del capoluogo, delle confezioni di farmaci provenienti dalla Cina "spacciati" come cura anti Covid. In particolare, i finanzieri hanno rinvenuto nel negozio di un parrucchiere di origine cinese le 144 confezioni contenenti complessivamente 3.456 pillole commercializzate senza alcuna autorizzazione e con istruzioni e scritte esclusivamente in lingua cinese. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LA SITUAZIONE IN CAMPANIA - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

Il farmaco

Nessun farmaco può essere commercializzato in Italia in assenza dell'autorizzazione dell'AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, che esegue su ciascuno di essi delle valutazioni chimico - farmaceutiche, tossicologiche e biologiche, al fine di testarne l'efficacia e la non pericolosità.

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24