Coronavirus, in Campania 3.344 positivi. Ottavo comune dichiarato "zona rossa"

Campania

Si tratta del piccolo centro di Paolisi, in provincia di Benevento. La locale Asl ha segnalato un rischio di focolaio epidemico dopo vari casi di contagio registrati in una famiglia che gestisce un'azienda avicola con 50 dipendenti. Il sindaco: "Misura dovuta"

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania 

L'Unità di crisi regionale ha comunicato che in Campania i casi accertati ad oggi di coronavirus sono 3.344, 76 in più rispetto a ieri. I decessi sono invece 227, mentre i guariti 244.
Intanto, il piccolo centro di Paolisi, in provincia di Benevento, è l'ottavo comune in Campania dichiarato "zona rossa". La locale Asl ha segnalato un rischio di focolaio epidemico dopo vari casi di contagio registrati in una famiglia che gestisce un'azienda avicola con 50 dipendenti, ognuno dei quali potrebbe avere avuto molti contatti in paese. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato l'ordinanza che blocca gli ingressi e le uscite da Paolisi, a eccezione del personale sanitario e di quello impegnato nei servizi di emergenza. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:17 - Sindaco Paolisi: "Zona rossa misura dovuta"

"È stata una misura dovuta in questo momento particolare considerato l'aumento dei casi registrati negli ultimi giorni". Così il sindaco di Paolisi, Umberto Maietta, commenta il provvedimento del governatore della Campania Vincenzo De Luca di dichiarare il comune sannita come "zona rossa". La decisione è scaturita dopo che in paese erano stati accertati dalla Asl di Benevento ventuno casi di positività al Covid 19. Le forze dell'ordine quindi già da ieri notte hanno presidiato tutti gli ingressi e le uscite dal paese. Maietta ha invitato tutti i suoi concittadini a stare tranquilli "in un momento che ci vede tutti in quarantena per il bene della comunità".

18:52 - Scappa da ospedale, rintracciato nel Napoletano

Era scappato dall'ospedale di Castellammare di Stabia (Napoli), dove era ricoverato con sintomi riconducibili al Covid-19 ma ancora in attesa del risultato del tampone. L'uomo è stato rintracciato alla stazione della Circumvesuviana di Pompei dai carabinieri. A raccontare la vicenda attraverso una nota è il sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, città nella quale abita il protagonista della fuga terminata con l'intervento dei militari dell'Arma. Il sindaco annuncia anche che è salito a otto il numero dei residenti a Torre Annunziata risultati positivi al Coronavirus: "Dall'inizio dell'emergenza sanitaria - si legge in una nota - sono stati effettuati sul territorio cittadino 90 tamponi. Il numero dei soggetti controllati dalle forze dell'ordine è di 1.424, di cui 33 sanzionati per essere usciti di casa senza una giusta motivazione. Sono 25, invece, le persone attualmente in isolamento domiciliare".  

18:40 - A Napoli donate 10 tonnellate di cibo in hub Comune

Proseguono alla Mostra d'Oltremare le operazioni di stoccaggio delle numerose donazioni di derrate alimentari - ad oggi arrivate a circa 10 tonnellate - distribuite con un pacco di generi alimentari di prima necessità alle famiglie in stato di assoluta indigenza. Il sindaco Luigi de Magistris nel pomeriggio di oggi si è recato, insieme alle assessore Buonanno e Galiero e al Presidente della Mostra d'Oltremare Minopoli, al Padiglione 6, per seguire da vicino le fasi del carico degli alimenti e della loro successiva distribuzione che avviene attraverso 14 squadre della Protezione civile comunale che si recano presso i domicili della famiglie bisognose.  

17:47 - In Campania negozi chiusi a Pasqua e Pasquetta

Nelle giornate di domenica e lunedì prossimi (Pasqua e Lunedì in Albis) resteranno chiuse in Campania tutte le attività commerciali, compresi i supermercati e le rivendite di generi alimentari, con esclusione delle farmacie e dei distributori di carburante. Lo dispone un'ordinanza del presidente della Regione, Vincenzo De Luca.

17:32 - In Campania 3.344 positivi, 76 più di ieri

In Campania, i positivi al coronavirus salgono a 3.344 (ieri 3.268), su 29.664 tamponi eseguiti; le vittime sono invece 227, sei in più rispetto a ieri. I guariti 244 (di cui 144 totalmente guariti e 100 clinicamente guariti), con un incremento di 56 rispetto ai 188 di ieri. Questi i dati diffusi dall'Unità di crisi. Questa la situazione nelle province: Napoli 1.699 (di cui 723 Napoli città e 976 in provincia). Salerno: 499. Avellino: 379. Caserta: 352. Benevento: 145. Altri in fase di verifica Asl: 270. 

17:26 - Coppie ferme in auto a Scampia, sanzionate

Anche due coppiette ferme in un parcheggio non sono sfuggite ai controlli delle forze dell'Ordine in applicazione della normativa anti-Covid 19. Ieri sera gli agenti del commissariato Scampia, hanno notato in via Cimitero, all'interno del parcheggio di un Hotel, alcune auto in sosta. I poliziotti sono entrati nell'albergo e hanno chiesto all'addetto alla reception di convocare i clienti presenti. Agli agenti, questi ultimi hanno dichiarato di essersi allontanati dalla propria abitazione per incontrarsi. Due coppie sono state sanzionate per aver violato le misure previste dal DPCM del 22 marzo scorso.

16:34 - Cento fotografie per il Pascale

Cento fotografi per cento fotografie. Basta un clic, dicono, e hai contribuito anche tu dal divano di casa all'emergenza Covid 19. Sono cento fotografi professionisti napoletani che si sono uniti per sostenere i ricercatori del Pascale. Per dare forza al lavoro degli scienziati impegnati oggi in una battaglia contro il virus che sta cambiando le nostre vite, si sono uniti sotto la sigla PhotoLifeNapoli e hanno messo in vendita una propria foto stampata in Fine Art formato 30x45. Foto acquistabile con una donazione di 200 euro. Non è un’asta, le foto sono acquistabili un'unica volta da un unico utente e rientrano in un’edizione speciale Covid 19. 

15:56 - Preteste parenti detenuti Santa Maria Capua Vetere: denunce in arrivo

Si è conclusa verso le 13.30 la protesta inscenata all'esterno del carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) da una ventina di donne, parenti dei detenuti, che hanno esposto qualche striscione chiedendo l'amnistia; saranno tutte sanzionate dalla Polizia di Stato per violazione delle prescrizioni anti-Covid, mentre le promotrici saranno denunciate per manifestazione non autorizzata.

15:53 - Comune Napoli invia primi mille pin per buoni spesa

Il Comune di Napoli sta inviando i primi mille Pin a cittadini beneficiari dei buoni spesa; nella giornata di domani ne saranno inviati altri 2mila e sabato altri 3mila. Prima della domenica di Pasqua dunque saranno circa 6mila i napoletani in difficoltà che potranno fare la spesa grazie ai buoni erogati dall'amministrazione comunale attraverso le risorse del Fondo comunale 'Cuore di Napoli' in cui confluiscono risorse nazionali, comunali e donazioni di privati. Ad oggi sono pervenute 15mila domande e sono 13502 quelle che dai primi controlli hanno ricevuto il via libera mentre sono 1150 quelle respinte. È possibile inviare la richiesta fino a domani 10 aprile. Il sistema informatizzato messo in piedi dal Comune consente all'amministrazione di accertarsi che il beneficiario abbia letto la mail che contiene il Pin, tutte le informazioni relative al supermercato e alla fascia oraria in cui recarsi a fare la spesa, i documenti che deve avere con sé da mostrare al momento del pagamento e le tipologie di prodotti che si possono acquistare con il buono.  

15:05 - Comune Napoli dona duemila mascherine a veterinari

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, insieme con l'assessore alla Salute Francesca Menna, ha consegnato duemila mascherine ai rappresentanti dell'Ordine dei medici veterinari di Napoli. I dispositivi sono stati consegnati al presidente Luigi Navas, accompagnato dal tesoriere Benedetto Neola. "Entrambi - riferisce una nota - hanno molto apprezzato il gesto dell'Amministrazione comunale, sensibile alle esigenze ed alle necessità anche di chi cura i nostri amici non umani".

14:20 - 12 nuovi posti letto al Covid Hospital di Boscotrecase

Altri 12 posti letto nel Covid hospital di Boscotrecase, in provincia di Napoli. Nell'ospedale è stato allestito un nuovo reparto con i 12 posti letto, attivi da oggi, che sono riservati alla cura dei pazienti Covid positivi con sintomi meno gravi. La nuova dotazione si aggiunge a quella già disponibile di 10 posti di terapia intensiva e 32 di sub intensiva. Stanno, intanto, procedendo secondo cronoprogramma, anche altri 12 posti letto di terapia inventiva. La consegna dei lavori è prevista per il prossimo 30 aprile 2020.

13:58 - Altri 100 militari per controlli a Napoli

Il ministro dell'Interno ha concordato con il Ministro della Difesa l'invio immediato, già nella giornata di oggi, di altri 100 militari in Campania, per rafforzare i controlli anti covid nell'area metropolitana di Napoli. Lo rende noto la prefettura del capoluogo campano: la richiesta di un ulteriore contingente era stata formalizzata dal Comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza. Da alcune settimane è già operativo a Napoli e in Campania un contingente di un centinaio di uomini delle Forze Armate che affianca le forze di polizia nella verifica del rispetto delle norme sul coronavirus.

13:38 - A Castel Volturno migliaia di migranti senza assistenza e lavoro

Tra le diverse problematiche che il lockdown sta facendo emergere, quella che in questi giorni si teme di più a Castel Volturno, comune in provincia di Caserta, riguarda i circa 15mila immigrati irregolari che da anni risiedono sul territorio, e che ora si trovano confinati in casa senza dispositivi di protezione, impossibilitati a guadagnarsi la giornata e quindi senza la possibilità di acquistare beni di prima necessità. Antonio Casale, direttore del Centro per migranti "Fernandes" della Caritas Diocesana, parla di una “bomba socio-sanitaria”, che se non è ancora esplosa è solo grazie “alla buona volontà delle associazioni che hanno garantito 'il pane' agli immigrati presenti sul territorio e alla pazienza di questi ultimi. Gli immigrati hanno paura del contagio, ma prima ancora di non avere mezzi per sopravvivere”, spiega Casale.

13:31 - Il sindaco de Magistris: "Sì a scudo penale per medici"

"Credo che non ci debba essere accanimento nei confronti di chi ha preso decisioni d'emergenza in un momento d'emergenza. La previsione di uno 'scudo' può valere in caso di una guerra sanitaria come questa per chi sta lavorando in prima linea come medici, infermieri, personale sanitario salvo che non ci siano comportamenti criminosi fuori controllo". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenuto a Mattino5, in relazione ad alcuni emendamenti in materia di responsabilità penale in ambito medico e sanitario a cui parlamentari di diverse forze politiche stanno lavorando dopo che alcuni avvocati e società di consulenza legale hanno promesso di intraprendere azioni legali nei confronti di sanitari. Il sindaco, nel sottolineare che "in simili momenti bisogna affidarsi all'autonomia e indipendenza della magistratura, al buon senso e alle norme", ha tuttavia ammonito: "Attenzione all'idea che si voglia far passare uno scudo di qualsiasi tipo e soprattutto penale per tutelare chi ha maciullato la sanità pubblica nel nostro Paese perché questo sarebbe un crimine politico. Mi auguro davvero che non ci sia alcun parlamentare di nessuno schieramento che pensi di fare questo. Anzi quando l'emergenza sarà finita, si dovrà fare un approfondimento parlamentare sul perché in questi anni si sia smantellata la sanità pubblica", ha concluso de Magistris.

13:29 - Dimesso vice sindaco di Polla, "area rossa" nel Salernitano

E' stato dimesso il primo paziente guarito all'interno del reparto Covid del "Luigi Curto" di Polla (Salerno): si tratta del vice sindaco del comune salernitano di Auletta, Antonio Addesso, 36 anni, ricoverato in gravi condizioni lo scorso 21 marzo nel presidio del Vallo di Diano, area che comprende 5 comuni, tra cui anche Auletta, diventata "zona rossa" lo scorso 15 marzo. "Il mio primo pensiero va alle famiglie di chi non ce l'ha fatta: ho sentito dal mio letto i lamenti dei loro cari che oggi non ci sono più - ha detto all'ANSA lasciando l'ospedale - la sensazione più bella è stata quando ho iniziato a respirare bene. Non ho mai sofferto così tanti dolori indescrivibili. Grazie di cuore a tutti gli operatori sanitari di Polla che mi hanno curato". Prima del ricovero si era lamentato per l'assenza di cure domiciliari e della mancata esecuzione del tampone. "Sono fondamentali la prevenzione e le prime cure domestiche. Ora voglio tornare a lavorare per i miei concittadini", ha concluso.

13:21 - Dal Comune di Camposano 235 tablet a studenti

100 mila euro stanziati per l'emergenza Covid-19, tablet per tutti gli studenti delle scuole del Comune per consentire la didattica a distanza, buoni alimentari da 50 euro ad ogni cittadino che ne abbia fatto richiesta, a prescindere dall'Isee, 6 mila mascherine distribuite alla popolazione e 2 mila colombe pasquali alle famiglie. Queste le misure adottate dal Comune di Camposano (Napoli) per fronteggiare l' emergenza determinata dall' epidemia di Covid 19. Il Comune sta anche effettuando la sanificazione di portoni, cortili e strade. "Abbiamo stanziato una somma importante - afferma il sindaco, Vincenzo Barbato per contenere il più possibile il rischio nel nostro comune, da un lato attivando il controllo del territorio e il rispetto dei Decreti governativi e delle Ordinanze regionali e, dall'altro, dando ai nostri concittadini la possibilità di vivere questa quarantena senza preoccupazioni né sanitarie né economiche". "Non prevediamo solo pacchi solidali - aggiunge Barbato - ma anche buoni alimentari a favore di tutti i soggetti a prescindere dalla certificazione Isee. Stiamo anche provvedendo ad elargire somme più consistenti per le fasce sociali meno abbienti. "Quanto al progetto del Governo "classroom", sulla didattica a distanza, 235 tablet sono stati acquistati con fondi comunali e consegnati agli studenti".

13:02 - Castel Volturno, 2500 domande per buoni spesa

Circa 2500 richieste per buoni spesa sono pervenute al Comune di Castel Volturno (Caserta); un dato da record se si pensa che nel capoluogo Caserta sono state presentate poco più di duemila domande, nonostante i residenti siano quasi tre volte di più rispetto al comune del litorale domizio (75mila contro 25mila). A far lievitare il numero di richieste a Castel Volturno la presenza di almeno 5mila immigrati regolari residenti - in questo periodo tutti senza reddito per le attività bloccate - accanto a 20mila cittadini italiani; ovviamente gli altri circa 15mila immigrati non regolari sono esclusi da questa misura. "Gli uffici stanno analizzando le richieste - spiega il sindaco di Castel Volturno Luigi Petrella - ma riusciremo ad accontentarne meno della metà, circa mille, in quanto dei 270mila euro accreditatici per i buoni spesa, abbiamo deciso di stanziare per questa misura 200mila euro; ad ogni beneficiario andranno sui 200 euro; il resto dei fondi arrivati, 70mila euro, lo utilizzeremo per acquistare derrate alimentari da distribuire direttamente alle persone bisognose". Tali ultimi beni saranno consegnati anche agli immigrati non regolari. Sul fronte dei contagi, al momento a Castel Volturno si segnalano 13 positivi e un decesso, nessuno tra gli immigrati.

12:58 - De Luca, rafforzare controlli a Pasqua e Pasquetta

In vista di Pasqua e Pasquetta il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca raccomanda a Comuni, Prefetture, aziende e concessionari di trasporto di "intensificare, da oggi e fino al 13 aprile" i controlli presso caselli autostradali, stazioni ferroviarie, porti ed aeroporti "al fine di assicurare il rigoroso rispetto delle disposizioni" in vigore, in particolare il divieto di spostamento da un comune all'altro valido a livello nazionale. In caso di trasgressione andranno applicate le sanzioni statali (multa da 400 a 3000 euro) e la quarantena per 14 giorni prevista dall'ordinanza regionale in vigore. Il governatore ha inviato in proposito una lettera a tutte le istituzioni ed aziende competenti.

11:59 - Protesta dei familiari dei detenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Dopo la notizia diffusa ieri della positività al Coronavirus di altri due detenuti del carcere casertano di Santa Maria Capua Vetere (tre in tutto i contagiati), questa mattina una ventina di persone, familiari dei detenuti, hanno iniziato una protesta all'esterno della struttura penitenziaria. Lo rende noto il sindacalista Aldo Di Giacomo, segretario del S.PP. (Sindacato Polizia Penitenziaria). I parenti dei reclusi chiedono garanzie per l'incolumità dei propri cari. Sul posto sono giunte le forze dell'ordine. Al momento la situazione è sotto controllo. "Siamo attrezzati per intervenire nell'eventualità si dovessero verificare criticità, - commenta Di Giacomo - ho sollecitato il ministro affinché si tengano sotto controllo eventuali segnali ma, pur rispettando il diritto inalienabile di manifestare, non è possibile che la gente possa andarsene in giro così, in barba ai divieti, e creare assembramenti vietati da provvedimenti nazionali e regionali".

11:39 - Igienizzanti senza garanzie, sequestro da 5mila litri nel Casertano

Circa cinquemila litri di prodotti igienizzanti realizzati artigianalmente senza garanzie sulla reale efficacia e in assenza delle necessarie autorizzazioni ministeriali sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza in un'azienda di Mondragone, che nei giorni scorsi aveva pubblicizzato su media locali la scelta di riconvertire la produzione. Il titolare aveva riferito di aver ceduto i prodotti gratuitamente a ospedali, organizzazioni di volontariato e forze dell'ordine, mentre invece - hanno accertato i finanzieri della Compagnia di Mondragone - vendeva a prezzo di mercato i prodotti sui principali siti di vendita on line. È il secondo sequestro di prodotti spacciati per antibatterici buoni in questo periodo di emergenza da Coronavirus, effettuato in pochi giorni nel Casertano dalle Fiamme Gialle. Il prodotto sequestrato, sia per mani che per superfici, veniva venduto in confezioni da un litro e cinque litri; i finanzieri hanno anche trovato oltre 4.300 litri di ipoclorito di sodio usato come materia prima e oltre 4.500 etichette ancora da apporre sulle confezioni, e riportanti la dicitura "antibatterico" e un'immagine simile a un microrganismo inserito in un mirino da sparo. L'azienda, è poi emerso, era completamente abusiva e il rappresentante legale non aveva mai provveduto ad effettuare le dovute comunicazioni (SCIA) al Comune di Mondragone per l'inizio dell'attività.

10:55 - Sabato stop treni Circumvesuviana a Madonna dell'Arco

Stop alle fermate dei treni della Circumvesuviana alle stazioni di Madonna dell'Arco e Sant'Anastasia, nel Napoletano, nella giornata di sabato 11 aprile. A comunicarlo è l'Ente autonomo Volturno che sottolinea come ''in accordo con le indicazioni diramate dal presidente della Regione Campania, per evitare possibili assembramenti'' il giorno 11 aprile ''i treni della linea Sarno non effettueranno fermata e relativo servizio viaggiatori nelle stazioni di Madonna dell'Arco e Sant'Anastasia''. Le due fermate in questione sono poste vicine al santuario della Madonna dell'Arco, ogni anno nei giorni di Pasqua meta di tanti fedeli ma quest'anno - come gli altri luoghi di culto - chiuso a causa dell'emergenza Coronavirus. Il servizio Circumvesuviana, come gli altri collegamenti su ferro gestiti dall'Eav, resterà inoltre fermo nelle giornate di Pasqua e Pasquetta.

10: 41 - Nove positivi in tre giorni nell'area flegrea

Bilancio in controtendenza rispetto ai dati ultimi della regione per le positività al Coronavirus nell'area flegrea. Negli ultimi tre giorni si sono registrati nove casi positivi al Covid 19: cinque casi a Pozzuoli, tre a Quarto ed uno Bacoli. 

10:39 - Il sindaco: "Altri cinque positivi a Torre del Greco"

Cinque nuovi casi di contagio da Covid-19 registrati a Torre del Greco (Napoli) dopo quattro giorni senza tamponi risultati positivi. A comunicarlo è il sindaco della città vesuviana, Giovanni Palomba.

10:36 - Consegne a domicilio non autorizzate, scooter sequestrati

Dieci scooter, modificati per il trasporto di generi alimentari, alcuni specificatamente per la  consegna a domicilio di cartoni per le pizze, sono stati sequestrati a Napoli dalla Polizia Locale dell'unità operativa di Fuorigrotta durante i controlli finalizzati al rispetto delle normative ministeriali e locali per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

10:14 - Gel e mascherine "mendaci", sequestro tra Napoli e provincia

Oltre 5.700 confezioni igienizzante per le mani e circa mille mascherine non a norma sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza tra Napoli e provincia. I rappresentanti di due società, accusati di vendita di prodotti industriali con segni mendaci, sono stati denunciati e ora rischiano due anni di reclusione e una multa fino a 20mila euro. Sulle confezioni del gel, infatti, erano stati fatti stampare simboli e scritte ingannevoli, del tipo "è in grado di eliminare
fino al 99,9% di batteri, funghi e virus".

9:22 - De Magistris: "Ordinanza sull'asporto? Non è vero che non può essere cambiata"

"Non è affatto vero che l'ordinanza sull'asporto non può essere cambiata. Volendo, il governatore De Luca, potrebbe modificarla oggi stesso". Lo ha detto a Radio CRC il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, per il quale la Campania "è l'unica regione in cui è vietato l'asporto, idea illogica, perché non c'è nessun rischio. In più, - secondo il sindaco - si potrebbe dare lavoro a tutte quelle persone che, in questo periodo, il lavoro lo hanno perso, ma anche aiutare chi non ha la possibilità di fare la spesa, garantendo un 'pranzo sospeso'. Andare ad accanirsi contro una persona che, oltre alla focaccia bianca, ha fatto anche la focaccia rossa, oppure il casatiello, è assurdo. Ha sbagliato? Sì, ma non è la priorità. Ci troviamo di fronte a un eccesso che nessuno comprende e che sfiora il sadismo".

7:08 - In Campania ottavo comune dichiarato "zona rossa"

Ai sette comuni campani già dichiarati "zona rossa" se ne aggiunge un ottavo, il piccolo centro di Paolisi, in provincia di Benevento, dove la locale Asl segnala un rischio di focolaio epidemico dopo vari casi di contagio registrati in una famiglia che gestisce un'azienda avicola con 50 dipendenti, ognuno dei quali potrebbe avere avuto molti contatti in paese. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato l'ordinanza che blocca gli ingressi e le uscite da Paolisi, a eccezione del personale sanitario e di quello impegnato nei servizi di emergenza. A Paolisi, su un totale di duemila abitanti, risultano positive 17 persone in sorveglianza sanitaria obbligatoria domiciliare e due ricoverate in ospedale a Benevento. Si attendono i risultati dei tamponi eseguiti sul personale dell'azienda avicola.

7:06 - In Campania test nuovi macchinari analisi tamponi

"In diversi ospedali della Campania ci sono altre apparecchiature che possono fare i tamponi per il Covid-19 usando reagenti diversi e che abbiamo in abbondanza. Li stiamo testando e presto avremo una risposta". Così Ugo Trama, membro della centrale acquisti della task force della Regione Campania contro il Coronavirus, ha spiegato la nuova frontiera per aumentare il numero dei tamponi e velocizzare la risposta per i casi sospetti.

7:04 - 76 nuovi casi ieri in Campania

Sono 76 i nuovi casi di Coronavirus rilevati ieri in Campania, su 1.880 tamponi eseguiti. Il totale complessivo dei contagi sale a 3.344 su 29.664 tamponi complessivi Lo comunica l'Unità di Crisi della Regione Campania.

7:01 - Altri due positivi in carcere del Casertano

"Nella prima mattinata di oggi, nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), sono arrivati gli ulteriori tamponi immediatamente fatti a decine di detenuti della stessa sezione del detenuto risultato positivo sabato notte. Sono risultati tutti negativi tranne quelli di due detenuti, che solo per motivi precauzionali sono stati accolti in stanze di isolamento sanitario, come già avvenuto per un altro detenuto risultato positivo e senza sintomi". Lo rendono noto, in un comunicato congiunto, Antonio Fullone, provveditore dell'amministrazione penitenziaria della Campania e Samuele Ciambriello, Garante dei detenuti della Campania.

Napoli: I più letti