Coronavirus, in Campania 2.092 positivi, 133 decessi e 88 guariti

Campania

Sono i dati forniti dall'Unità di crisi della Regione. A Napoli scoperta una struttura per anziani nel quartiere Fuorigrotta dopo il decesso di un ospite. Sulla vicenda indagano il Nas dei carabinieri

Il nuovo liveblog con gli aggiornamenti in Campania  

Sono 2.092 i casi accertati di coronavirus in Campania dall’inizio dell'epidemia. Lo rende noto l'Unità di crisi regionale. Sono 133, invece, i pazienti deceduti, 88 i guariti, di cui 20 totalmente guariti e 68 clinicamente guariti.
Nel quartiere Fuorigrotta di Napoli è stata scoperta una struttura di accoglienza, denominata "Casa Famiglia", nella quale c'erano 42 ospiti, alcuni dei quali in condizioni sospette, con sintomi anche gravi. L'allarme è scattato solo quando è stato chiamato il 118 per la morte di uno degli ospiti. Invece, ad Arzano, alla Seda Italy, un lavoratore è moto a causa del Coronavirus. I sindacati hanno proclamato uno sciopero "fino a quando l'azienda non metterà in sicurezza tutti i lavoratori".
In giornata, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha parlato dei fondi stanziati dal Governo e della situazione nel capoluogo campano: "7,5 milioni sono meglio di niente. A Napoli dobbiamo impedire che l'emergenza diventi un fatto criminale, ma la città sta rispondendo con iniziative di solidarietà".  (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:52 - 42 alberghi Napoli disponibili ad accogliere medici

Sono 42 le strutture alberghiere ed extra alberghiere, per un totale di 154 posti letto, che hanno risposto alla manifestazione d'interesse pubblicata dal Comune di Napoli per dare ospitalità a medici, infermieri e personale sanitario che abbiano necessità di alloggio. “In pochi giorni abbiamo raccolto molte adesioni e questo testimonia ancora una volta la grande generosità degli imprenditori napoletani”, sottolinea l'assessore De Majo. Il Comune si fa carico delle spese di sanificazione di inizio e fine del soggiorno del personale medico ed contribuirà con un forfait ''ai costi delle utenze delle strutture”. L'elenco delle strutture che hanno aderito sarà pubblicato domani sul sito del Comune.

19:34 - Dodici contagi a Quarto

A Quarto, nel Napoletano, sono passati da otto a dodici i contagi nella giornata di ieri. Il sindaco, Antonio Sabino, per tranquillizzare l'intera collettività e soprattutto evitare che inizino a circolare fake news, ha istituito un gruppo di coordinamento per monitorare l'emergenza sanitaria, che avrà il compito di verificare e informare l'amministrazione e la cittadinanza sull'andamento dell'epidemia e adottare tutte le misure precauzionali a tutela della salute pubblica. Nel contempo, il sindaco ha disposto con propria ordinanza la sospensione del pagamento di tutti i tributi comunali, dei canoni idrici e delle rateizzazioni fino al 14 aprile prossimo.

19:25 - Procura indaga su focolai Sannio e Irpinia

La Procura di Benevento, retta da Aldo Policastro, ha aperto un fascicolo contro ignoti con l'obiettivo di definire l'eventuale sussistenza di responsabilità nella gestione dell'emergenza da Covid- 19 in alcune strutture sanitarie, pubbliche e private, di Ariano Irpino (Avellino) e Benevento. Le indagini sono scattate all'indomani della esplosione di alcuni focolai significativi nel Sannio e in Irpinia che avrebbero presentato delle criticità.

19:11 - Altri 4 positivi ad Acerra

Crescono i casi di coronavirus ad Acerra (Napoli). Oggi il sindaco Raffaele Lettieri ha comunicato altri quattro tamponi positivi, che si aggiungono ai cinque casi già noti sul territorio, ed al giovane in isolamento nella casa di cura per anziani a Sant'Anastasia, dove lavora. Il sindaco, nell'augurare la guarigione ai contagiati, ha affermato anche che chi è positivo, e le loro famiglie, possono rivolgersi al comune "per fare la spesa o per i farmaci". "Come già detto in precedenza e come si vede dal numero dei contagi in città - ha detto Lettieri - la strada davanti a noi per uscire da questa pandemia è ancora lunga. E se i cittadini non rispettano le regole, se non rimangono chiusi in casa non potremo mai sconfiggere il virus”.  

19:06 - Nel Sannio 74 persone positive al covid19

Sono 74 le persone contagiate dal Covid-19 in provincia di Benevento. È quanto emerge dall'ultimo bollettino della Asl del capoluogo sannita. In particolare, 24 pazienti sono ricoverati all'ospedale "San Pio" di Benevento, 46 pazienti in altre strutture del Sannio, mentre una persona fuori provincia ed altre tre sono seguite a domicilio.

17:35 - In Campania 2.092 contagi

Sono 2.092 i casi accertati di coronavirus in Campania dall’inizio dell'epidemia, 133 i deceduti, 88 i guariti, di cui 20 totalmente guariti e 68 clinicamente guariti, mentre sono 14.403 i tamponi effettuati. A fornire i dati è l’Unità di crisi regionale. Nella provincia di Napoli si registrano 1053 casi di cui 421 in città, 632 in provincia; in provincia di Salerno sono 341 i casi; in provincia di Avellino ci sono 226 positivi; 221 i conclamati a Caserta; 76 a Benevento. Sono, invece, in fase di verifica presso le Asl 175 casi.

16:47 - A Napoli stazioni metro aperte di notte per senzatetto

Anm, la società che gestisce il trasporto pubblico a Napoli, ha deciso, in continuità con le misure già attive a supporto del “Piano freddo” dell’assessorato alle Politiche sociali del Comune, di lasciare ancora aperte di notte, fino al 4 Maggio prossimo, le stazioni Municipio e Museo della metropolitana Linea 1 per garantire accoglienza e riparo dalle temperature rigide in arrivo, ai senza fissa dimora.  

16:18 - Al via test rapidi al Cardarelli per personale sanitario

Al via i test rapidi all'ospedale Cardarelli di Napoli. In seguito all'approvazione da parte dell'Unità di Crisi regionale della procedura operativa per i test rapidi, il Cardarelli ha provveduto, attraverso una comunicazione interna, a organizzare lo screening sul personale, a cominciare da medici, infermieri e tutti i sanitari e non maggiormente a rischio contagio. I primi sono stati quelli in forza all'Unità Covid attivata nel Cardarelli, a cui è seguito il personale impegnato nei percorsi Covid, al Dea (Dipartimento di emergenza ed accettazione) e al di fuori del Dea. I test proseguiranno nei prossimi giorni.

15:53 - Primo decesso a Ischia

Un 70enne ricoverato da diversi giorni nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Rizzoli è la prima vittima a Ischia (Napoli) del coronavirus. L'uomo, deceduto oggi poco dopo le 13, soffriva già di alcune patologie polmonari prima di essere contagiato dal covid-19; dopo essere risultato positivo era stato ricoverato nell'ospedale isolano ma le sue condizioni erano apparse subito serie, tanto da dover essere intubato. Otto componenti della sua famiglia sono in seguito risultati positivi al tampone ma nessuno di loro è in condizioni critiche.

15:30 - A Napoli 421 casi e 25 decessi totali

Il Comune di Napoli ha comunicato che ad oggi in città sono 421 i casi accertati di coronavirus, con un aumento di 5 unità rispetto a ieri. Stabile a 53 il numero degli asintomatici. Sale a 115 (+3) il numero delle persone ricoverate in ospedale ma resta fermo a 12 il numero delle persone ricoverate in terapia intensiva. Sono 279 (+2) i cittadini posti in isolamento a casa. Fermo a 67 il numero dei guariti, così come quello dei deceduti che restano 25.

15:21 - De Luca: "In Campania piano sociale contro ricadute economiche"

Il governatore campano Vincenzo De Luca ha reso noto che la Regione è al lavoro per definire, già entro questa settimana, un proprio piano sociale per contrastare le ricadute economiche. "Stiamo esaminando in queste ore - spiega in una nota - tutti i contributi arrivati da decine di enti, associazioni, partiti, e con gli uffici stiamo valutando e definendo la piattaforma del Piano Sociale che abbiamo annunciato. Intanto è in corso una interlocuzione con il sistema bancario sul credito alle imprese per rendere immediati e operativi i contributi destinati ai soggetti beneficiari. Abbiamo sollecitato il Ministero ad approvare la riprogrammazione del Fondo sviluppo e coesione” e “abbiamo già disposto che per ogni contributo vi sia una sburocratizzazione straordinaria: i controlli, ad esempio non dovranno essere preventivi ma successivi all'erogazione e a campione. In ogni caso, al di là delle attività produttive, siamo impegnati - afferma De Luca - a recuperare tutte le risorse indispensabili per dare sostegno in primo luogo ai pensionati al minimo, alle famiglie con disabili, e giovani professionisti. Contiamo di poter presentare il Piano Sociale della Campania entro questa settimana".

15:10 - Operativo il punto di raccolta alimenti per poveri a Napoli

È operativo l'hub di raccolta di generi alimentari allestito dal Comune di Napoli alla Mostra d'Oltremare. Qui sono state convogliate le derrate di alimenti che erano state donate da esercizi commerciali, grande distribuzione e imprenditori che hanno risposto all'appello per fornire cibo e generi di prima necessità alle famiglie che sono in difficoltà a causa dell'emergenza coronavirus. Ai cancelli di viale Kennedy oggi sono arrivati i volontari della Caritas e della Comunità di Sant'Egidio che hanno prelevato gli alimenti e li distribuiranno alle persone meno fortunate e li utilizzeranno per rifornire le mense dei poveri. Centinaia di chili di prodotti sono così stati messi a disposizione per le famiglie disagiate di Napoli. In particolare si tratta di scatolame, pasta, bottiglie di pomodoro, biscotti, olio, latte a lunga conservazione, zucchero, ma anche igienizzanti.

14:00 - de Magistris: "7,5 milioni meglio di niente"

"I fondi del Governo non sono sufficienti ma noi, che siamo abituati a non avere niente, sappiamo che 7,5 milioni è meglio che niente. Valgono tre settimane, poi il governo ha detto che metterà altre risorse". Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris commentando il primo stanziamento del governo per i Comuni nell'emergenza covid-19. "Se non intervengono sui Comuni - ha aggiunto - tra poco non ci saranno più, non solo quello di Napoli ma quelli d'Italia. E il governo deve comprendere che se crollano i sindaci crolla il Paese. Il governo ha dato un segnale e lo sappiamo cogliere, siamo operativi”.
"Napoli - ha proseguito de Magistris - con una rete di solidarietà capillare sta finora impedendo che un dramma sociale diventi questione di ordine pubblico e criminale, ma dobbiamo essere tutti rapidi perché concretezza ed efficacia possono contrastare la concretezza e l'efficacia degli usurai e dei criminali”.
"C'è un'altra grande battaglia - ha spiegato - da combattere in questi giorni, impedire che l'emergenza diventi un fatto criminale. Ma la città sta rispondendo con le iniziative del Comune, con l'iniziativa di solidarietà "Cuore di Napoli", il banco alimentare di mutuo soccorso, vedo una città che risponde. La polizia in comitato provinciale di ordine e sicurezza pubblica ha affermato che sta monitorando, sta evitando che qualcuno getti benzina sul fuoco, che si muovano schifezze di esseri umani che vogliono lucrare sui bisogni della gente”.

13:50 - Nestlè dona 100mila euro al San Pio di Benevento

Il gruppo "Nestlè-Buitoni" ha donato 100mila euro all'ospedale San Pio di Benevento per l'acquisto di attrezzature e dispositivi per migliorare le attività di cura e assistenza dei pazienti covide19. "L'azienda - si legge in una nota - ha deciso di dare un aiuto concreto alla comunità di Benevento, a cui è fortemente legata grazie alla presenza dello stabilimento Buitoni e di tutte le persone che vi lavorano. L'azienda, aderendo all'iniziativa Una lista per la vita promossa da Confindustria Benevento, una raccolta fondi per l'ospedale San Pio, ha voluto esprimere la sua vicinanza al territorio e la sua riconoscenza al personale sanitario, alla Protezione Civile e a chi è in prima linea per fronteggiare questa emergenza".

13:46 - 221 casi nel Casertano

Sono 221, 15 in più rispetto a ieri, le persone positive nel Casertano. È quanto riportano i dati dell'Asl aggiornati alle 12.30. Finora si contano 17 decessi e 12 guariti, la metà dei quali grazie all'utilizzo del farmaco per l'artrite, il Tocilizumab. Santa Maria Capua Vetere è la città con più casi, ventidue, registrati però quasi tutti in tre nuclei familiari; a Caserta sono invece 16 i casi emersi, 15 ad Aversa. Entra intanto a pieno regime, con i 20 posti per i ricoveri attivati oggi, il Covid-Hospital di Maddaloni, operativo già da oltre una settimana; fino ad ora erano disponibile 6 posti in terapia intensiva e 15 per la sub-intensiva, posti tutti già occupati. Da oggi ci saranno in totale dunque altri 20 posti per i contagiati meno gravi. L'Asl di Caserta ha inoltre attivati tre "covid-team" formati da medici ed infermieri che avranno il compiuto di effettuare tamponi a domicilio in tutto il territorio della provincia di Caserta; gli stessi infermieri Asl, con la Polfer, effettueranno la misurazione della temperatura ai viaggiatori che scendono dai treni.

13:32 - A Napoli in campo l’associazione "Liberi sempre"

L’associazione di volontariato napoletana “Liberi sempre”, particolarmente attiva nei quartieri di Fuorigrotta e Bagnoli, non si ferma e prosegue l'attività solidale di raccolta e distribuzione del banco alimentare rilanciando l'impegno con la consegna di mascherine di protezione. "Mai come in questo momento di grave emergenza sanitaria - spiegano Martina D'Alessio e Massimo Scherillo, responsabili dell'associazione - è necessario che ognuno faccia la propria parte adottando tutte le precauzioni possibili per evitare la diffusione del contagio del coronavirus e, se possibile, aiutando chi ha bisogno”.

13:12 - Buoni spesa fino a 350 euro nel Napoletano

A Torre Annunziata, Boscoreale, Boscotrecase e Trecase, nel Napoletano, dopo il bando per ricercare le attività disposte ad accettare i voucher, è stato redatto l'avviso pubblico per l'assegnazione di buoni spesa da 200 a 350 euro o per la fornitura di generi di prima necessità rivolto a persone che versano in grave disagio economico. Possono presentare richiesta di ammissione tutti i cittadini residenti nei Comuni dell'Ambito Sociale N30. ”Il richiedente - si legge in una nota - alla data di presentazione dell'istanza, deve dichiarare l'assenza di fonti di reddito del proprio nucleo familiare e di aver percepito nel periodo 1 gennaio-29 febbraio 2020 un reddito complessivo non superiore a 3.500 euro lordi.

12:25 - 28 pazienti positivi al San Pio di Benevento

Sono 28, di cui 23 della provincia di Benevento, i pazienti positivi al Coronavirus ricoverati presso l'ospedale San Pio di Benevento. Cinque dei pazienti sono in terapia intensiva.

12:23 - Salgono a cinque i decessi nella casa di cura di Sala Consilina

Salgono a cinque i decessi degli anziani della casa di cura "Istituto Juventus" di Sala Consilina, nel Salernitano.  Questa mattina è morta un'anziana di 87 anni. Il decesso è avvenuto al Campilongo Hospital di Eboli.  Da ieri i 32 ospiti positivi al Covid - 19 della casa di cura salese sono stati trasferiti presso la struttura sanitaria ebolitana.

12:04 - Primi ricoveri Covid al Policlinico Vanvitelli

Primo ricoveri Covid al Policlinico Vanvitelli. La struttura di Malattie Infettive è stata riorganizzata e potenziata per arrivare a complessivi 25 posti letto completamente dedicati a pazienti Covid-19. "Il ruolo sinergico della Azienda Ospedaliera Vanvitelli insieme al Cotugno - ha detto Maurizio Di Mauro del team di Governo posti letto della Regione Campania - è un elemento importante nel panorama assistenziale del Sistema Sanitario Regionale perché dimostra che la collaborazione di due entità assistenziali apparentemente diverse può trasformarsi in un meccanismo di reciproco potenziamento con grandi vantaggi".

11:57 - Napoli, 1000 mascherine donate al Loreto Mare

Mille mascherine da destinare all'ospedale Loreto Mare-Covid 19 sono state donate all'Asl di Napoli dall'Italian Forum Export. "Un gesto che ci restituisce entusiasmo - commenta il dg dell'Asl Napoli Centro, Ciro Verdoliva - dopo il brutto episodio che ha coinvolto il Loreto Mare la scorsa settimana". Proprio la cronaca di un furto tanto becero quanto duro per il suo impatto emotivo - sottolinea l'Asl nella nota - ha spinto l'Italian Forum Export ad acquistare e a donare le mille mascherine per sostenere la lotta della Regione Campania contro questa epidemia.

11:24 - A Capri nuova iniziativa di solidarietà

Una nuova iniziativa è partita oggi e vede coinvolti l'amministrazione comunale, le Parrocchie dell'Isola di Capri, la San Vincenzo de' Paoli Capri e l'Ascom che si sono resi parte attiva per raccogliere fondi su un conto bancario creato ad hoc intestato all'associazione San Vincenzo de' Paoli (Iban IT 48 V 01030 39790 0000 0038 0751). Nella storica chiesetta di sant'Anna è stato creato un centro di raccolta di generi alimentari che saranno distribuite alle famiglie meno abbienti dai volontari.

10:21 - Il sindaco: "Altra vittima a Torre del Greco"

C'è un nuovo decesso a Torre del Greco (Napoli) a causa del Coronavirus, il decimo dall'inizio della pandemia nella città vesuviana. Ad annunciarlo è il sindaco Giovanni Palomba: a perdere la vita è stato D.A.A., 84 anni. Dal report fornito dal Coc, inoltre, si segnalano due nuovi casi di tampone positivo al Covid-19. Risultano dunque al momento 52 i cittadini positivi certificati dalle autorità sanitarie preposte. Di questi venti sono i soggetti ospedalizzati, mentre 32 risultano attualmente in isolamento fiduciario presso la loro abitazione.

7:12 - Coronavirus: morto lavoratore Seda, sciopero per sicurezza

Un lavoratore dell'azienda Seda Italy di Arzano (Napoli), azienda che produce packaging e imballaggi in plastica, è morto a causa del Coronavirus. Ne dà notizia la Cgil Slc di Napoli, esprimendo dolore per la vittima e la vicinanza alla famiglia. I sindacati hanno proclamato uno sciopero, si legge in una nota, "fino a quando l'azienda non metterà in sicurezza tutti i lavoratori".

7:08 - Casa per anziani scoperta a Napoli dopo decesso

Nel quartiere Fuorigrotta di Napoli è stata scoperta una struttura di accoglienza, denominata "Casa Famiglia", nella quale c'erano 42 ospiti, alcuni dei quali in condizioni sospette, con sintomi anche gravi. L'allarme è scattato solo quando è stato chiamato il 118 per la morte di uno degli ospiti. Sia la persona deceduta, sia tutti gli ospiti - informa l'Unità di Crisi - sono stati sottoposti a tampone e in attesa dell'esito, tre pazienti sono stati trasferiti in strutture ospedaliere. Un team di medici dell'Asl Napoli 1 è da ieri pomeriggio nella struttura per monitorare lo stato di salute di ogni ospite. Sulla vicenda indagano il Nas dei carabinieri.

7:05 - 122 positivi, Campania a quota 2067

Sono stati 122 i tamponi risultati positivi ieri in Campania che portano il totale a quota 2.067. Lo rende noto l'Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza da Coronavirus.

7:02 - Coronavirus: altri 2 morti nel Sannio e 73 positivi

Salgono a 73 i casi di persone affette da Coronavirus residenti nella provincia di Benevento e due sono le persone anziane decedute facendo salire a quattro le vittime nel Sannio. "Per quanto riguarda la vicenda relativa ai numerosi casi riscontrati a Villa Margherita - si legge in una nota della Asl di Benevento - l'azienda sanitaria ha provveduto a trasmettere ai comandi provinciali di tutte le forze dell'ordine i nominativi delle persone presenti all'interno del centro di riabilitazione risultate negative al test e che, avendo completato il ciclo terapeutico prescritto, saranno dimesse nelle prossime ore e sottoposte a sorveglianza sanitaria obbligatoria.

Napoli: I più letti