Arzano, a 16 anni in nero in azienda tessile: denunciati i genitori

Campania

Oltre alla ragazza, c'erano anche quattro lavoratori irregolari che percepivano il reddito di cittadinanza. Sono 21 le sanzioni amministrative applicate

I carabinieri hanno scoperto una ragazza di 16 anni tra i 20 lavoratori in nero individuati ad Arzano, in provincia di Napoli, in una ditta tessile durante alcuni controlli. Inoltre, quattro dei lavoratori irregolari percepivano anche il reddito di cittadinanza. Sono 21 le sanzioni amministrative applicate e tre le prescrizioni penali per un totale di 116.420 euro. Denunciati anche i genitori della minore per violazione delle norme a tutela del lavoro degli adolescenti.

Gli altri controlli

Nei diversi controlli in provincia di Napoli, i militari hanno denunciato due imprenditori impegnati nella realizzazione di un ristorante. Il primo non avrebbe rispettato alcune normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Stesse violazioni accertate per il titolare della seconda ditta tra i cui dipendenti c'era anche un lavoratore in nero. A San Gennaro Vesuviano, i carabinieri hanno, invece, denunciato un cittadino di origini bengalesi perché impiegava nel proprio opificio cinque connazionali in nero. Anche i lavoratori sono stati denunciati perché irregolari sul territorio dello Stato. 

Napoli: I più letti