Niente pollo da KFC, menù limitati o fast food chiusi in Gb. FOTO

Il colosso americano del pollo fritto è stato obbligato a chiudere 575 dei suoi 900 punti vendita in Gran Bretagna e Irlanda. Alla base del problema ci sono ritardi di consegna dovuti al passaggio dal fornitore Bidvest a DHL. FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    Il colosso del pollo fritto del Kentucky (KFC) è rimasto senza la sua materia prima: la carne di pollo. Questa la motivazione della chiusura momentanea di 575 punti vendita sui 900 sparsi tra Gran Bretagna e Irlanda - Manca il pollo, chiudono centinaia punti vendita KFC in Gran Bretagna
  • ©Getty Images
    Il problema si è manifestato lo scorso 17 febbraio, ma ancora nel pomeriggio di martedì 20 diversi negozi del Colonnello (la mascotte dell'azienda) sono rimasti chiusi. Nelle ultime ore è stato annunciato che le unità chiuse dovrebbero scendere a 470 - Sostanza per friggere le patatine favorirebbe ricrescita capelli
  • ©Getty Images
    La chiusura di massa, secondo quanto spiegato dalla BBC, sarebbe stata causata da un problema logistico dovuto al cambio di corriere per il trasporto delle forniture di carne di pollo - L'organismo reagirebbe al cibo da fast food come a un'infezione
  • ©Getty Images
    La scorsa settimana KFC ha infatti rescisso il suo contratto con il corriere sudafricano Bidvest per affidarsi a DHL che oggi lamenta "problemi operativi" legati all'interruzione del servizio di distribuzione - Una ricerca collega cibo spazzatura e aumento dei tumori
  • ©Getty Images
    Il 17 febbraio la multinazionale della ristorazione con sede a Louisville, Kentucky, annunciava su Twitter che alcuni ristoranti sarebbero rimasti chiusi e altri avrebbero offerto un servizio limitato a causa del problema - Manca il pollo, chiudono centinaia punti vendita KFC in Gran Bretagna
  • ©Getty Images
    L'azienda ha comunque garantito che i lavoratori dei punti vendita coinvolti sono stati incoraggiati a prendersi una vacanza, mentre per i contratti part-time sarebbe stato rispettato un pagamento sulle ore medie lavorate al giorno nelle ultime 12 settimane. Nessuna variazione avrebbe coinvolto gli stipendi dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato - Sostanza per friggere le patatine favorirebbe ricrescita capelli
  • ©Getty Images
    A pesare sulla situazione è stato il passaggio a DHL e l'abbandono di Bidvest considerato il fornitore leader nel settore dell'ospitalità e della ristorazione nel Regno Unito. Il sindacato GMB (Britain's General Union) che riunisce oltre 631mila lavoratori in tutto il Paese, ha reso noto di aver provato ad avvisare KFC sull'errore nel passaggio da un corriere a un altro - Altroconsumo: contenitori dei fast food dannosi per la salute
  • ©Getty Images
    Secondo il sindacato, il cambio di fornitore ha portato anche alla perdita di 255 posti di lavoro e alla chiusura di uno dei depositi di Bidvest - Sostanza per friggere le patatine favorirebbe ricrescita capelli
  • ©Getty Images
    Da parte sua KFC ha scritto una nota di scuse ai suoi clienti, indicando i punti vendita ancora aperti più vicini a loro. Ciò non ha fermato le numerose proteste scatenate sui social contro il disguido che ha colpito Gran Bretagna e Irlanda - Manca il pollo, chiudono centinaia punti vendita KFC in Gran Bretagna