Elezioni, nozze reali, Mondiali: ecco cosa ci riserva il 2018. GALLERY

Il nuovo anno è ricco di appuntamenti elettorali: in Italia si vota a marzo, così come in Russia. In Brasile invece in autunno. A giugno il Canada ospita il G7, a maggio il matrimonio del principe Harry e Meghan Markle. D’estate ci sarà la Coppa del Mondo di calcio
  • Elezioni, matrimoni reali, grandi eventi sportivi: il 2018 sarà un anno ricco di appuntamenti. L’Italia va alle urne il 4 marzo per le politiche, poche settimane dopo sarà la volta delle elezioni per il Cremlino. Il G7 sarà ospitato dal Canada mentre il principe Harry sposa la fidanzata Meghan Markle a maggio. D’estate ci saranno gli attesi Mondiali di calcio in Russia mentre la Corea del Sud vedrà svolgersi a febbraio le Olimpiadi invernali - Tra superlune e sciami di meteore: gli eventi astronomici del 2018
  • L’appuntamento chiave del 2018 sono le elezioni politiche in Italia. Dopo aver sciolto le Camere, il presidente della Repubblica Mattarella ha annunciato che il voto si terrà il 4 marzo. Tra i leader ci sono Matteo Renzi, segretario Pd, Pietro Grasso, della neonata formazione di sinistra Liberi e Uguali, Luigi Di Maio, candidato premier del M5s, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, che si giocheranno la leadership del centrodestra - Tutte le notizie sulle elezioni del 2018
  • Il 2018 sarà l’anno anche delle elezioni regionali per Lombardia, Lazio, Molise e Basilicata (in autunno), oltre che in tre Regioni a statuto speciale: Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta. Ancora non sono state stabilite le date ma per alcune Regioni è probabile un accorpamento con le politiche a marzo - Le ultime regionali del 2017 sono state in Sicilia dove ha vinto il centrodestra
  • La Russia va al voto il 18 marzo per decidere il presidente. Se nessun candidato dovesse vincere al primo turno si tornerà alle urne l’8 aprile. Ma i sondaggi danno in netto vantaggio Vladimir Putin, che correrà per ottenere il suo quarto mandato. Il suo principale oppositore, Alexei Navalny, fondatore del Partito del Progresso, è stato escluso dalla Commissione elettorale e la Corte Suprema ha già bocciato il suo ricorso - Russia 2018, Navalny non può candidarsi: Corte suprema boccia ricorso
  • ©Getty Images
    Altro grande appuntamento elettorale del 2018 sono le elezioni autunnali in Brasile, dove si profila una sfida tra l’ex presidente Lula (nella foto), al centro di numerosi guai giudiziari, fondatore del Partido dos trabalhadores e già al governo per 8 anni, e Jair Bolsonaro, deputato federale conservatore, accusato di essere populista, razzista e omofobo - Brasile, procuratore accusa Lula e Dilma di associazione a delinquere
  • Altre importanti elezioni in Centro e Sudamerica saranno quelle del 1 luglio in Messico, dove si profila una svolta a sinistra che potrebbe ulteriormente mutare i rapporti con gli Usa. In Colombia si vota a maggio e viene dato come favorito l’ex sindaco di Medellin Fajardo. In Paraguay, dopo le violenze degli ultimi mesi, non si ricandiderà l’attuale premier, il conservatore Horacio Cartes. Grande incognita infine le elezioni in Venezuela, previste per ottobre, che potrebbero portare a nuove tensioni - Venezuela, Maduro: opposizioni non parteciperanno a presidenziali
  • ©Getty Images
    Nel continente africano, nel 2018, si voterà in Camerun, nella Repubblica Democratica del Congo, in Madagascar e anche in Zimbabwe (a settembre) dove il presidente Mugabe è stato costretto a uscire dalla scena politica dopo decenni di potere. Il suo successore Emmerson Mnangagwa (nella foto) è il candidato del partito ZANU-PF e il grande favorito - Zimbabwe, Mugabe si dimette: resa dopo 37 anni al potere
  • ©Getty Images
    Il 2018, in teoria, dovrebbe essere anche l’anno delle elezioni in Libia, nonostante la situazione politica e sociale nel Paese nordafricano sia ancora caotica. Alcuni mesi fa il premier del governo di accordo nazionale, Fayez al Sarraj, ha proposto di tenere le elezioni a marzo 2018. Il comandante militare del governo di Tobruk, Khalifa Haftar, ha affermato che rispetterà il “volere del libero popolo libico” e si dovrebbe candidare - Libia, accordo Sarraj-Haftar a Parigi. Macron: "Progressi verso pace"
  • ©Getty Images
    Il Canada ospiterà il 44esimo summer del G7. L’evento si terrà a Le Manoir Richelieu a La Malbaie, in Quebec, l’8 e il 9 giugno. Sarà il sesto meeting organizzato dal Canada. Per la prima volta sarà guidata dal primo ministro Justin Trudeau (qui in una foto del G7 di Taormina del 2017) - Battute, sorrisi e abbracci: gli scatti "rubati" del G7 di Taormina
  • ©Getty Images
    Il matrimonio più atteso del 2018 è quello “reale” tra il principe Harry e Meghan Markle. Il 19 maggio i due si sposeranno nella location della cappella di St. George del castello di Windsor. L’annuncio ufficiale del fidanzamento è arrivato lo scorso novembre e la coppia ha da subito ottenuto grande attenzione mediatica e l’apprezzamento dei sudditi della Corona britannica - Matrimonio reale, c'è la data: Harry e Meghan sposi il 19 maggio
  • Il mondo del cinema attende con trepidazione la notte degli Oscar. La 90esima edizione della cerimonia di premiazione si terrà il 4 marzo al Dolby Theatre di Los Angeles e sarà condotta da Jimmy Kimmel. Secondo le indicazioni della vigilia anche il film “Call me by your name” del regista italiano Luca Guadagnino potrebbe giocarsi le sue carte per qualche statuetta - Oscar 2018, "Gatta Cenerentola" in gara tra i film d'animazione
  • Uno degli eventi chiave del 2018 saranno i Mondiali di calcio in Russia. La fase finale della Coppa del Mondo si terrà dal 14 giugno e durerà un mese. L’Italia è rimasta clamorosamente esclusa, dopo l’eliminazione ai playoff contro la Svezia. Tra le squadre favorite per la vittoria, il Brasile di Neymar, l’Argentina di Messi, la Francia di Pogba e il Portogallo di Cristiano Ronaldo, oltre a Germania e Spagna - Incubo azzurri, l'Italia è fuori dai Mondiali: non succedeva dal 1958
  • Pyeonchang, in Corea del Sud, ospiterà dal 9 al 25 febbraio la XXIII edizione dei Giochi olimpici invernali. Si tratta della seconda edizione della manifestazione nel Paese dopo quella di Seul del 1988. L’evento arriva in un momento di grave crisi diplomatica nella penisola coreana a causa delle minacce del leader nordcoreano Kim Jong-un - Esercitazioni antiterrorismo a Pyeongchang in vista delle Olimpiadi