Corea del Nord, Kim Jong Un contro film Usa e jeans: si rischia pena di morte

Mondo

Vietati abiti e parole straniere oltre che film e jeans. Chi viene sorpreso a guardare pellicole Usa o giapponesi, finisce nei campi di internamento

Pena di morte per chi indossa i jeans, usa parole straniere, guarda film americani e si taglia i capelli come pop star di altri paesi. Back in the past in qualche libro di storia (italiano, tra l'altro)? No, cronaca datata giugno 2021. Accade in Corea del Nord per decisione di Kim Jong-un. Presa di posizione drastica che dichiara guerra a ogni forma di influenza straniera, film compresi.

La lista dei divieti

approfondimento

Corea del Nord, sorella di Kim Jong-un agli Usa: "Non provocateci"

Nella lista nera ci sono abiti, modi di dire che arrivano dall'estero e i jeans, appunto, considerati "veleni pericolosi". La Corea del Nord ha quindi introdotto una nuova legge per bandire il mondo esterno, anche attraverso la pena di morte. Coloro che verranno sorpresi con film della Corea del Sud, ma anche Hollywood e Giappone rischia la vita, non una semplice sanzione. Chi viene colto in flagranza, con gli occhi incollati davanti a materiali stranieri, rischia 15 anni nei campi di internamento, avete capito bene. Il Daily Nkriposta la notizia di tre minorenni finiti in carcere per un taglio di capelli alla moda (della Corea del Sud e non del Nord) e per dei "risvoltini", cioè l'arrotolamento dei pantaloni sopra la caviglia. Secondo la Bbc, Kim jong Un strebbe tentando di censurare la stampa per non lasciare trapelare nessuna informazione a riguardo al resto del mondo.

Corea del Nord osservata speciale causa attività nucleari

L'organismo di vigilanza atomica delle Nazioni Unite ha visto indicazioni in Corea del Nord di possibili lavori di ritrattamento per separare il plutonio dal combustibile esaurito del reattore che potrebbe essere utilizzato nelle armi nucleari, ha detto lunedì il capo dell'agenzia. L'Agenzia internazionale per l'energia atomica non ha avuto accesso allo stato segreto da quando Pyongyang ha espulso i suoi ispettori nel 2009. Il paese ha quindi proseguito con il suo programma di armi nucleari e ha ripreso i test nucleari. La sua ultima detonazione di un'arma nucleare è stata nel 2017. L'AIEA, con sede a Vienna, ora monitora da lontano le attività della Corea del Nord utilizzando immagini satellitari.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24