George Floyd, a Minneapolis la prima cerimonia funebre. Migliaia di persone in strada

Mondo
©Getty

 Nel grande santuario della North Central University, si è tenuto il primo dei diversi appuntamenti pensati nell'arco di 6 giorni per dare l'ultimo saluto al 46enne afroamericano. "È morto per una pandemia di razzismo", ha detto uno dei legali della famiglia. In programma anche celebrazioni in North Carolina, dove l'uomo era nato, e in Texas, dove era cresciuto

Sono migliaia le persone che hanno affollato Minneapolis per la prima commemorazione funebre pubblica di George Floyd, l'afroamericano di 46 anni ucciso durante un arresto. "Ho visto molti americani di razze ed età differenti marciare insieme e alzare la loro voce insieme, siamo ad un punto di svolta", ha detto il reverendo Al Sharpton, noto leader nella lotta per i diritti civili, poco prima di ricordare la vittima in un discorso emozionante, nel grande santuario della North Central University, alla presenza dei famigliari e del loro avvocato. "Un gigante buono dai grandi abbracci" e "un presidente che ogni giorno aveva una fila di persone che voleva parlare con lui, divertirsi con lui": così George Floyd è stato ricordato dai fratelli intervenuti alla commemorazione.

Tra i presenti Martin Luther King III e il governatore del Minnesota

approfondimento

Meghan Markle: “La vita di George Floyd contava”

All'interno dell'edificio, a causa delle restrizioni per la pandemia di coronavirus, sono state ammesse solo cinquecento persone. Tra gli invitati Martin Luther King III, gli attori e comici Kevin Hart, Tiffany Haddish e Regina Hall, l'attore e produttore Tyler Perry. Presenti anche il governatore del Minnesota Tim Walz, il sindaco di Minneapolis Jacob Frey e la senatrice Amy Klobuchar, ex candidata alle Primarie dei democratici.

 

Il reverendo Sharpton a Trump: "Non usi la Bibbia per propaganda"

Durante il suo intervento, il reverendo Sharpton ha attaccato duramente il presidente Trump: "Mai visto nessuno tenere una Bibbia così ma mi piacerebbe che la leggesse", ha detto riferendosi al libro sacro brandito dal presidente davanti a una chiesa dopo aver fatto sgomberare la folla davanti alla Casa Bianca. "Non si può usare la Bibbia come strumento di propaganda", ha aggiunto. "Quello che è successo a George Floyd è quello che accade ogni giorno nelle comunità d'America, è tempo per noi di prendere posizione, di toglierci quel ginocchio dal nostro collo", ha detto ancora il reverendo scaldando il pubblico, che si è alzato in piedi ad applaudire.

Il legale della famiglia: "A uccidere Floyd la pandemia di razzismo"

"Non è stato il coronavirus ad uccidere George Floyd ma la pandemia di razzismo e discriminazione", ha detto durante la commemorazione Benjamin Crump, uno degli avvocati dalla famiglia. Dall'autopsia era infatti emerso che Floyd era positivo al Covid-19. "Quello che abbiamo visto in quel video è inumano", ha aggiunto il legale, "non cooperate con la malvagità, non cooperate con l'ingiustizia, protestate contro, tutti noi meritiamo qualcosa di meglio", ha affermato Crump riferendosi alle immagini della morte di Floyd.

Funerali Goerge Floyd
Il santuario della North Central University, il 4 giugno 2020, ospita la cerimonia di commemorazione per George Floyd - ©Getty

Commemorazioni in diverse città nell'arco di 6 giorni

approfondimento

George Floyd, la madre della figlia: "Era un uomo buono". VIDEO

Quello di Minneapolis non è che il primo omaggio a Floyd. Il 5 giugno è previsto l'allestimento della camera ardente a Raeford, in North Carolina, dove il 46enne era nato. In programma anche una cerimonia privata per la famiglia. Cerimonia analoga lunedì, in Texas, a Houston, dove l’uomo era cresciuto e aveva vissuto gran parte della sua vita prima di trasferirsi, 5 anni fa, in Minnesota. Il giorno dopo, infine, è in programma nella stessa città un funerale con 500 persone. Seguirà una cerimonia di sepoltura privata.

Ancora proteste negli Usa

Intanto procedono le indagini, con la procura che ha aggravato l'imputazione per l'ex agente Derek Chauvin da omicidio colposo a omicidio volontario e ordinato l'arresto dei suoi tre colleghi accusandoli di complicità. Proseguono anche le proteste, in tutti gli Usa, nonostante i 10 mila arresti.

La folla fuori dal santuario della North Central University - ©Ansa

Mondo: I più letti