Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Libia, raid di Haftar sull’aeroporto di Tripoli. Attacco dell'Isis: 2 morti e un rapito

I Titoli di skytg24 delle 18 del 9/4

4' di lettura

L'attentato terroristico è avvenuto nel centro del Paese. Lo scalo di Mitiga, dopo l’attacco di ieri, ha ripreso i voli nelle ore notturne. Conte a Sarraj: “Attacco ingiustificato”. Macron: “Fermare i combattimenti”. L'Onu rinvia la conferenza in programma a Ghadames

Non si arresta l’escalation in Libia e, per questo motivo, l'Onu decide di rinviare la conferenza nazionale in programma dal 14 al 16 aprile a Ghadames. L'annuncio dell'inviato Ghassan Salamé segue le vicende della notte: le forze aree del generale Haftar hanno compiuto un raid sull'aeroporto internazionale di Tripoli, chiuso nel 2014, a sud della capitale. Lo rende noto l'emittente libica Alahrar tv, secondo la quale l'attacco non avrebbe causato vittime. Sono invece due i morti a seguito di un attentato compiuto, sempre nella notte, dall'Isis nel centro del Paese, a Fuhaqa (a 600 chilometri dalla capitale): è stato ucciso il presidente del consiglio comunale, mentre è stato rapito il capo delle Guardie municipali. L'attacco è stato rivendicato dai terroristi, affermando che si tratta di "un'invasione" come vendetta per i territori perduti in Siria.
Riapre intanto lo scalo di Mitiga, l'unico in funzione a Tripoli e che era stato chiuso ieri a causa di altri due attacchi aerei dell’Esercito di liberazione nazionale che fa capo al generale Khalifa Haftar, ma i voli riprendono solo durante le ore notturne. Dall'inizio dell'offensiva il bilancio è di almeno 47 morti e 181 feriti. Lo riferisce l'Organizzazione mondiale della sanità: tra i deceduti, nove sono civili tra cui due medici.

La telefonata di Conte a Sarraj

Intanto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha chiamato ieri sera il premier libico Fayez al-Sarraj - il presidente riconosciuto dalla Comunità internazionale - per un colloquio telefonico sugli "sviluppi e ripercussioni dell'aggressione portata dalle forze di Khalifa Haftar alla capitale Tripoli e una serie di città libiche". "Il primo ministro italiano ha espresso il proprio rammarico per il fatto che Tripoli sia stata esposta a un attacco ingiustificato che ha riportato il Paese in guerra" proprio mentre "si avvicinava la soluzione della crisi che attraversa", riferisce un post sulla pagina Facebook dell'Ufficio stampa del capo del Consiglio presidenziale del Governo di accordo nazionale libico. "Conte ha affermato il rifiuto categorico da parte dell'Italia di questo attacco che destabilizza, che ha colpito l'aeroporto civile e che minaccia la vita di civili”. Il premier si è appellato "alla fine immediata di questa operazione militare chiedendo che le forze di Haftar tornino alle postazioni da cui sono partite", scrive ancora il testo dell'ufficio stampa libico.

Macron: "Agire subito per fermare i combattimenti"

Anche il presidente francese, Emmanuel Macron, è impegnato in colloqui telefonici con le diverse parti in causa. Nel corso di conversazioni con il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, il premier libico e Haftar, ha espresso "profonda preoccupazione" per i recenti eventi in Libia e ha ricordato che "non c'è soluzione militare al conflitto libico": è quanto si legge in una nota diffusa a tarda notte dall'Eliseo. Per lui è "imperativo agire immediatamente per porre fine ai combattimenti e placare le tensioni".

Dall'inizio degli scontri 3.400 sfollati

Intanto, sono 3.400 gli sfollati per gli scontri armati in corso nei pressi di Tripoli, dove la situazione della sicurezza "resta instabile". Lo scrive l'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha). La maggior parte delle famiglie sfollate è ospitata da parenti e conoscenti, mentre circa 25 famiglie hanno raggiunto due rifugi collettivi a Tajoura e Ain Zara. "Le Nazioni Unite continuano a ricevere conferma che la popolazione civile in alcune aree vicine alla linea del fronte non è in grado di scappare a causa dell'intensità dei combattimenti. In alcuni casi, le ostilità impediscono anche ai fornitori di servizi di soccorso di raggiungere la popolazione bisognosa - scrive l'Ocha - Le Nazioni Unite hanno lanciato un appello per una tregua umanitaria temporanea in Libia che permetta il passaggio di civili che desiderano lasciare Tripoli e fornire assistenza umanitaria. Sono invece circa 1.400 i rifugiati e migranti nei centri di detenzione, in prossimità delle aree colpite, in Ain Zara, Gharyan e Qasr Ben Gashir". L'Oms ha invece ricordato che la presa di mira di operatori sanitari e di strutture sanitarie è contro il diritto umanitario internazionale ed espresso preoccupazione per l'impatto di un conflitto prolungato sulle limitate forniture mediche. L'Alto commissario Onu per i diritti umani Michelle Bachelet ha lanciato oggi un appello a tutte le parti in conflitto in Libia a "unirsi per evitare ulteriori violenze e spargimenti di sangue senza senso".

Data ultima modifica 09 aprile 2019 ore 16:45

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"