Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Copa Libertadores, rinviata a data da destinarsi la finale River-Boca

Barros Schelotto e Carlos Tevez, allenatore e attaccante del Boca Juniors (Ansa)
2' di lettura

Gli ospiti avevano chiesto un nuovo slittamento dopo che ieri il loro pullman era stato attaccato da un gruppo di tifosi avversari. La nuova data sarà decisa martedì 27 novembre. Conmebol: "Non ci sono le condizioni per giocare" 

Salta ancora River Plate-Boca Juniors, finale di ritorno di Coppa Libertadores, dopo gli scontri di ieri che avevano portato a un primo rinvio della gara. Il presidente della Conmebol (la confederazione calcistica sudamericana), Alejandro Dominguez, ha dichiarato che "non ci sono oggi le condizioni per giocare River-Boca". Dominguez ha aggiunto che ora rientrerà ad Asuncion (Paraguay) e che da là, dopo un esame approfondito della situazione, "annuncerà la nuova data dell’incontro". La nuova data della finale di ritorno, si legge in un tweet della Conmebol, sarà decisa in una riunione, nella capitale del Paraguay, martedì 27 novembre alle 10 con i presidenti dei club finalisti, Boca Juniors e River Plate.

La richiesta del Boca Juniors

Poco prima che la Conmebol annunciasse il nuovo rinvio della partita, il Boca Juniors aveva chiesto ufficialmente alla confederazione calcistica sudamericana, di non giocare oggi la finale di ritorno della Libertadores contro il River. Il club gialloblù temeva che, dopo quanto accaduto ieri, non sarebbe stato possibile giocare ad armi pari. "Dopo i fatti di violenza - ha scritto il club in un comunicato - e dopo averne constatato la gravità e le conseguenze che hanno avuto sui nostri effettivi, il Boca ritiene che non ci siano le condizioni per giocare e chiede il rinvio della partita". Vengono poi chieste anche "adeguate sanzioni" nei confronti del River Plate.

Il primo rinvio

Il Superclasico argentino, sfida fra le due squadre di Buenos Aires, era già stato rinviato sabato 24 novembre. Il fischio d’inizio della gara di ritorno era fissato per le 17 locali (le 21 in Italia), ma la partita non si è più giocata perché il pullman che stava trasportando i giocatori del Boca allo stadio Monumental è stato attaccato da un gruppo di facinorosi che hanno rotto i finestrini. Diverse persone che si trovavano all’interno del veicolo sono state ferite, fra cui anche i calciatori Pablo Perez e Leonardo Jara. Sugli spalti dello stadio del River c'erano già almeno 50mila spettatori, mentre molti altri, dopo l'attacco, erano stati bloccati fuori dalla struttura. 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"