Chi sono i Gurkha, i guerrieri nepalesi a protezione di Kim e Trump

Un soldato Gurkha durante un addestramento (Getty)
2' di lettura

Fanno parte di una delle armate più importanti al mondo e, dal 1815, servono la Corona inglese. In origine erano pastori, ma l'attitudine alla lotta li ha trasformati in temibili soldati. Sono stati loro a sorvegliare il summit Usa-Corea del Nord a Singapore

Hanno sorvegliato il summit tra Donald Trump e Kim Jong-un, tra misure di sicurezza altissime e allerta massima. Sono le brigate Gurkha, messe in campo per garantire la sicurezza dei due leader a Singapore. Si tratta di una delle armate militari più prestigiose al mondo, al servizio della Corona britannica dal 1815. I soldati che la compongono sono di origini nepalesi e circa 1.800 di loro sono stati scelti appositamente per presidiare lo storico vertice (FOTO).

Le origini dei Gurkha

In antichità i Gurkha erano una popolazione di pastori e il loro nome ha origine dalla valle Gorkha', nel Nepal occidentale. Dopo aver combattuto contro i colonizzatori inglesi, gli abitanti indigeni della zona, i Gurkha appunto, iniziarono a essere arruolati come volontari proprio nell'esercito della Compagnia britannica a partire dalla conclusione della guerra anglo-nepalese del 1812 – 1815. Durante questi combattimenti, i soldati mostrarono attitudini al combattimento, disciplina e aggressività. Per questa ragione, l’impero britannico costituì una brigata che fu poi impegnata in diverse guerre coloniali. Una volta entrati a far parte ufficialmente dell'esercito anglo-indiano, i Gurkha combatterono anche nelle due guerre mondiali. Dopo l’indipendenza indiana, alcuni reggimenti vennero inseriti nella British Army, costituendo i Royal Gurkha Riflemen.

Addestramenti durissimi e attitudine al corpo a corpo

Questi soldati nepalesi si contraddistinguono per una corporatura robusta e tozza che li rende difficilmente affrontabili nei duelli corpo a corpo. I Gurkha sono inoltre famosi per i loro addestramenti durissimi: ne vengono selezionati 200 su 17mila ogni anno. La brigata è composta soprattutto da unità di fanteria, ma non mancano i reparti di ingegneria, logistica, addestramento e di supporto. I combattenti sono muniti di berretti marroni e del khukuris, un coltello molto pesante e con una lama curva. I Gurkha nel 2015 sono stati scelti per soccorrere le popolazioni colpite dal terremoto del Nepal che uccise oltre 8mila persone.

Da Hong Kong all'Afghanistan, le missioni dei Gurkha

Da quando servono l’esercito della Corona inglese, i Gurkha sono stati impiegati a Hong Kong, in Malesia, nel Borneo, a Cipro, alle Falkland, in Kosovo ma anche in Afghanistan. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"