Spose bambine, in Egitto proposta di legge contro i matrimoni precoci

Secondo il ministero della sanità, ogni anno in Egitto nascono circa 500mila bambini da donne sposate che hanno meno di 18 anni (Getty Images)
3' di lettura

Un deputato della maggioranza ha avanzato una riforma che prevede pene fino a un anno di carcere e la perdita della patria podestà per i genitori che danno l’avallo a un’unione coniugale quando la figlia è ancora minorenne

Abla el Hawary, un deputato egiziano membro del partito che sostiene il governo, ha presentato una proposta di legge per porre un freno al fenomeno delle "spose bambine" nel Paese. Il provvedimento, se approvato, prevedrebbe fino a un anno di carcere per i genitori e per gli ufficiali incaricati di registrare il matrimonio. Secondo il mensile Egypt Today, che riporta i dati dell’istituto di statistica nazionale, il Capmas, nel 2017 in Egitto sono state registrate 18mila unioni nelle quali le donne avevano meno di 18 anni, di cui il 15% aveva un’età inferiore ai 15 anni.

Le pene proposte

La proposta di legge si propone di riformare, in modo particolare, l'articolo 12 del codice sull’infanzia, datato 1996, che prevede che il padre abbia la tutela dei figli minori legittimi. Patria potestà che il genitore può perdere se viene considerato "inadatto" dalle autorità. La speranza di Abla el Hawary è di riuscire ad inserire tra i fattori che potrebbero far perdere la tutela dei figli anche l’avallo di un’unione coniugale in età non consona. Nello specifico, la proposta di legge prevede che un padre che partecipa al matrimonio di sua figlia o suo figlio minori di 18 anni possa essere arrestato e rimanere in prigione per un anno, oltre che perdere la patria potestà. Una pena analoga è prevista anche per chiunque registri il contratto di quel matrimonio. L'unico caso in cui la nuova legge prevede la possibilità di una convalida per un'unione coniugale in cui uno dei due sposi è un minore di 18 anni è quando sia presente il parere positivo del tribunale di famiglia competente.  

Nessuna distinzione di genere

"Il matrimonio infantile è un fenomeno che interessa sia ragazze che ragazzi. Quindi, la proposta di legge è pensata per proteggere entrambi i sessi" ha spiegato Abla el Hawary, che ha aggiunto: "Non possiamo specificare un genere, in quanto contraddice il principio di uguaglianza costituzionale". Secondo il deputato, la proposta raccoglie i favori della maggior parte dei parlamentari e a breve verrà approvata. Per questa ragione invita le associazioni per i diritti delle donne a lanciare campagne di sensibilizzazione in tutto l’Egitto, in particolar modo nei quartieri poveri.

Nel mondo 650 milioni di donne sposate da bambine

Egypt Today riporta anche una statistica del Ministero della Sanità, secondo la quale ogni anno in Egitto nascono circa 500mila bambini da donne sposate che hanno meno di 18 anni. Il problema però non interessa solo il Paese Nord africano. Secondo quanto scrive il Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia nel suo ultimo report pubblicato martedì 6 marzo, le spose bambine sono 12 milioni ogni anno. E, nonostante una riduzione complessiva di circa 25 milioni di matrimoni rispetto al previsto, si stima che 650 milioni di donne si siano sposate quando erano bambine.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"