Oxfam: aiuti a paesi poveri per il clima sono metà di quelli promessi

La cifra realmente dedicata a progetti legati al cambiamento climatico, nel 2015 e 2016, sarebbe compresa tra i 16 e i 21 miliardi (Getty Images)
2' di lettura

Per la confederazione internazionale che si dedica alla riduzione della povertà globale, nel 2015 e nel 2016 la cifra si è fermata a 48 miliardi di dollari a fronte dei 100 previsti dall’accordo di Parigi per contrastare il cambiamento climatico

L’accordo di Parigi sul clima, siglato nel 2015, prevede la creazione di un fondo da 100 miliardi di dollari l'anno (circa 83,5 milioni di euro) fino al 2020, per aiutare i paesi in via di sviluppo nella mitigazione e nell'adattamento al cambiamento climatico. Secondo un rapporto dell'Oxfam, però, nel 2015 e 2016 la cifra si è fermata a 48 miliardi (circa 40 miliardi di euro). Soldi che, tra l’altro, per la confederazione internazionale che si dedica alla riduzione della povertà globale, solo in parte sarebbero stati destinati alle misure 'climatiche'.

Realmente dedicata al clima una cifra tra i 16 e i 21 miliardi

Stando all'indagine dell'Oxfam, che prende il nome di "Climate Finance Shadow Report 2018", la cifra dedicata a progetti direttamente legati al cambiamento climatico, nel 2015 e 2016 è stata compresa tra i 16 e i 21 miliardi di dollari l'anno. "Nonostante le persone nelle isole caraibiche vedano uragani sempre più forti e altre in Africa siano alle prese con siccità brutali - ha spiegato Tracy Carty dell'Oxfam - il flusso di denaro verso i più poveri e vulnerabili al cambiamento climatico rimane tristemente inadeguato". L’obiettivo principale dell'accordo di Parigi è contenere l'aumento della temperatura ben al di sotto dei 2 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali, con l'impegno a limitare progressivamente l'aumento di temperatura a 1,5 gradi.

Sovrastima dei fondi versati

Secondo lo studio, uno dei problemi principali che ha portato a un budget più che dimezzato è rappresentato anche dalla sovrastima che i paesi donatori fanno del valore dei fondi forniti. Un’operazione che, per Oxfam, viene effettuata conteggiando nei progetti prestiti e altri tipi di erogazioni diversi dalle sovvenzioni. Ragione per la quale la confederazione internazionale ha intenzione di chiedere nuovi standard di contabilità durante la Conferenze delle parti Onu (Cop), che si terrà in Polonia.

Leggi tutto
Prossimo articolo