Francia: telegrammi addio, servizio interrotto dopo 139 anni

Il fotomontaggio di un ultimo telegramma diffuso su Twitter dal presidente dei lavoratori Orange (Twitter @Christophe NDI)
3' di lettura

Alle 23.59 del 30 aprile è stato mandato l'ultimo messaggio composto con il vecchio metodo ormai soppiantato dalla tecnologia

Svolta storica nelle telecomunicazioni in Francia, dove alle 23.59 del 30 aprile è stato inviato l'ultimo telegramma. Una storia che si chiude definitivamente dopo 139 anni.

L'annuncio della compagnia

A rendere nota la decisione è stato l'operatore Orange che ha precisato che la cessazione del servizio si è resa necessaria vista la concorrenza di email, sms e chat. La Francia si allinea così ad altri Paesi dell'Europa occidentale come il Belgio o la Germania che hanno già interrotto questa forma di comunicazione per molti ormai desueta e poco economica. Per inviare un telegramma in Francia all'utente venivano richiesti 15 euro per circa 50 parole. Il telegramma inviato alle 23.59, spiega 'Libération', è stato solo simbolico. L'ultimo telegramma inviato da un cliente è stato alle 21.05 del 30 aprile ed era un messaggio di condoglianze. Su Twitter il presidente del sindacato Cfe-Cgc Orange Sébastien Crozier, ha scritto: “Il 24 maggio 1844, Morse ha inviato il primo telegramma. Nel 1879 fu creato il servizio di telegramma francese! Qualche ora fa, 30 aprile 2018 alle 23:59, Orange ha appena inviato l'ultimo telegramma in Francia. Si gira una pagina di storia delle telecomunicazioni si trasforma!”. Nel messaggio era allegato il fotomontaggio di un ultimo telegramma inviato alla comunità di Zagrums (comunità privata di dipendenti di Orange) dal presidente di questo (@Christophe NDI su Twitter).

Il declino del servizio

Secondo il sito specializzato universfreebox, nel 2005 si sono registrate in Francia circa 900mila spedizioni di telegrammi. Poi lo sviluppo delle nuove tecnologie e la competizione serrata con gli smartphone e i servizi di messaggistica hanno portato a un crollo catastrofico. Nel 2017, rileva il quotidiano francese “Libération”, sono stati inviati 38mila telegrammi, in calo del 35% rispetto al 2016. Da gennaio ad aprile 2018 solo 6mila telegrammi sono stati inviati (-67%). La decisione di chiudere il servizio è stata presa in seguito alla forte flessione dei flussi. Per inviare un telegramma fino al 30 aprile, un individuo doveva chiamare un numero verde e dettare il suo messaggio a un call center, che lo avrebbe ricopiato e archiviato prima di inviarlo per posta. Un'altra possibilità era quella di effettuare un ordine sul sito Web di Telegramme.com. Secondo universfreebox gli ultimi clienti rimasti erano principalmente professionisti, come società di trasporto, agenzie immobiliari, tribunali e alcuni individui per determinati eventi come le nascite, i matrimoni e le morti. Tutte ricorrenze, queste, per le quali ormai basta un semplice, gratuito e più veloce click.

Leggi tutto
Prossimo articolo