Siria, fuga da Ghouta. Medico: "5000 ricoveri in un solo giorno"

Douma, alla periferia di Damasco (Getty Images)
4' di lettura

Medici senza Frontiere ha raccolto la testimonianza di Refaat Al Obed, direttore medico dell'ospedale di Qalaat Al Madiq. La struttura è sotto pressione: ha gestito 21 parti in 3 giorni

Quasi 60mila sfollati in meno di un mese. Molti sono uomini, donne e bambini feriti o malati, tutti bisognosi di cure mediche. È il bilancio di quanto sta succedendo agli abitanti della Ghouta orientale, costretti a muoversi verso il nord ovest della Siria.

L'ospedale di Qalaat Al Madiq

In un solo giorno all'ospedale di Qalaat Al Madiq, supportato da Medici Senza Frontiere, sono arrivate 5mila persone. “Lavoro nell'ospedale di Qalaat Al Madiq da quando è stato aperto, circa un anno e mezzo fa”, afferma il direttore medico Refaat Al Obed. “Ci troviamo vicino alla linea del fronte tra le aree controllate dal governo della Siria e dai gruppi armati di opposizione. Ciò significa che generalmente, quando viene siglato un accordo di riconciliazione tra i belligeranti in diverse parti del paese, e quando le persone vengono trasferite a Idlib, transitano prima da qui. Ogni volta che succede cerchiamo di essere pronti”. Per questo l'ospedale ha contattato Medici Senza Frontiere e ottenuto forniture mediche, consulenze tecniche e supporto logistico.

21 parti in tre giorni

“Trattiamo una media di 300 pazienti al giorno", afferma Refaat Al Obed, che con il suo staffracconta di essere stato colto alla sprovvista quando migliaia di persone sono state fatte scendere davanti alla struttura. "Non eravamo pronti a trattare così tanti pazienti nello stesso momento. Ogni volta che gli sfollati arrivano nella nostra area affrontiamo lo stesso tipo problemi ma questa volta il numero di persone era davvero molto più alto di quello che ci aspettavamo”. Un'emergenza sanitaria, cui il personale ha provato a far fronte. In pochi giorni sono stati assistiti 200 pazienti feriti, soprattutto a causa dei bombardamenti. Ma sono stati gestiti anche 21 parti (18 naturali e 3 cesarei) in soli 3 giorni.

Una sala operatoria, migliaia di pazienti

“Abbiamo anche diagnosticato - continua il direttore medico - molti casi medici che dovrebbero essere seguiti da specialisti. Bambini malnutriti, per esempio. Non abbiamo professionisti sanitari specializzati per rispondere a questi bisogni e non abbiamo un reparto dedicato per questo tipo di casi. E abbiamo una sola sala operatoria. Ad esempio, un giorno dopo un attacco contro uno dei convogli in cammino verso la Siria nord-occidentale, abbiamo ricevuto contemporaneamente otto pazienti con ferite da arma da fuoco. Avremmo avuto bisogno di due o tre sale operatorie per gestirli al meglio”. Pur essendo una struttura piccola, Qalaat Al Madiq è comunque il principale ospedale dell'area. E sopporta pressione che, senza l'appoggio di organizzazioni e altri centri, non potrebbe reggere. “Ogni giorno incontriamo persone bisognose di cure, pazienti che devono essere operati. Questo mese – conclude Refaat Al Obed - è stato molto difficile per noi: siamo solo poche decine di medici, che gestiscono migliaia di pazienti”.

L'intervento dell'Unicef

Nelle settimane scorse - ha spiegato l'Unicef - sono stati trasportati circa 12mila metri cubi di acqua pulita in 8 rifugi collettivi, inoltre, sono state installate decine di latrine e docce, in aggiunta alle centinaia già installate nelle settimane passate.Negli otto rifugi collettivi, i team medici mobili supportati dall’Unicef, che comprendono circa 70 operatori sanitari, stanno fornendo servizi per la salute e la nutrizione (consulenze mediche, vaccinazioni e servizi essenziali per la nutrizione). Sono stati visitati circa 9mila persone fra bambini, donne e uomini.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"