In Russia parte blocco a Telegram, per il patron "è incostituzionale"

I provider di telefonia russi avranno 24 ore di tempo per attuare il blocco (Getty Images)
2' di lettura

Dopo la sentenza di un Tribunale di Mosca, l'ente federale russo per il controllo dei media ha chiesto ai provider di telefonia di limitare l'accesso ai servizi della chat. Protesta il fondatore dell'app Durov

Parte in Russia il blocco alla chat Telegram. Il Roskomnadzor, l'autorità russa per le telecomunicazioni, ha iniziato le procedure per bloccare l'app nel Paese in conformità con la sentenza di venerdì scorso. Lo fa sapere l'autorità in una nota. Il Roskomnadzor ha chiesto ai provider di telefonia di attuare il blocco e il suo direttore, Alexander Zharov, ha detto che presto chiederà ad Apple e Google di rimuovere l'app dai loro negozi online. Già segnalati i primi disservizi dagli utenti. Non ci sta il fondatore di Telegram, Pavel Durov, che bolla la decisione come "anticostituzionale". Una scelta, scrive sul suo account VKontakte, che "indebolirà la sicurezza nazionale russa" poiché "una parte" dei dati personali dei cittadini russi passerà a WhatsApp e Facebook "controllati dagli Stati Uniti".

La comunicazione ufficiale era nell'aria

Dopo che la Corte suprema russa ha respinto il ricorso di Telegram, lo scorso 13 aprile un tribunale di Mosca ha deciso di bloccare la popolare app di messaggistica. Motivo del blocco è legato al rifiuto da parte del fondatore Durov di fornire alle autorità i codici di decrittazione delle chat. La comunicazione ufficiale delle autorità russe nei confronti di Telegram, che oggi conta 200 milioni di utenti nel mondo ed è molto diffusa nel Paese, era attesa ed è in linea con le nuove norme federali in tema di comunicazioni. Nello specifico, già lo scorso anno, Roskomnadzor aveva già obbligato Telegram a iscriversi nel registro nazionale dei "diffusori" di informazioni che impone di fornire informazioni riguardo la società, di conservare le conversazioni tra gli utenti e di mettere a disposizione i codici necessari per decifrare i messaggi.

Leggi tutto
Prossimo articolo