Ex capo Fbi Comey: "Trump bugiardo seriale ricattabile da Mosca"

4' di lettura

Comey, in un’intervista per promuovere il libro nel quale racconta la sua versione dopo essere stato licenziato mentre indagava sul Russiagate, afferma che “c’è certamente qualche prova di ostruzione della giustizia” nelle azioni del tycoon

Donald Trump "è un bugiardo seriale”, “potrebbe essere vulnerabile a un ricatto della Russia” e “tratta le donne come fossero carne". È durissimo l’attacco sferrato dall’ex direttore dell'Fbi, James Comey, al presidente degli Stati Uniti in un’intervista alla Abc. Comey ha iniziato la promozione del suo libro di memorie A Higher Loyalty: Truth, Lies and Leadership, nel quale racconta la sua versione dei fatti dopo essere stato licenziato dal tycoon nel maggio del 2017 perché, spiega, si rifiutò di chiudere in fretta le indagini sul Russiagate. Trump "non è moralmente idoneo" a fare il presidente degli Stati Uniti", ha aggiunto l’ex capo del Bureau, e "potrebbe essere vulnerabile a un ricatto della Russia".

"Prove di ostruzione della giustizia"

"C'è certamente qualche prova di ostruzione della giustizia" nelle azioni di Donald Trump, ha aggiunto Comey nel corso dell’intervista, e alla domanda se il riferimento sia a quando il presidente Usa gli avrebbe chiesto di porre fine alle indagini sull'ex consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca, Michael Flynn, l’ex direttore dell’Fbi ha risposto: "Può darsi". "È un momento pericoloso per il nostro Paese", ha detto Comey, paragonando il tycoon a "una foresta in fiamme" che "può fare enormi danni, può fare danni ai valori fondanti del nostro Paese come la verità".

“Trump è moralmente inadatto a essere presidente”

"Il nostro presidente - ha affermato Comey - deve aderire e incarnare e avere rispetto per i valori che sono alla base di questo Paese. Il più importante è la verità. E questo presidente non è capace di farlo. È moralmente inadatto per essere presidente". Quanto al rischio che Trump sia ricattabile da Mosca, il riferimento è al dossier di Cristopher Steel, l'ex spia britannica che per conto della campagna di Hillary Clinton raccolse informazioni sul tycoon in Russia, alcune delle quali molto discusse. Tra queste, un presunto video che sarebbe in possesso delle autorità russe in cui si vede Trump nel 2013 in un hotel di Mosca con alcune prostitute che urinano su letto dove avevano dormito Barack e Michelle Obama. "Io non so se l'attuale presidente degli Stati Uniti è stato con delle prostitute che urinavano una sull'altra - ha detto Comey - È possibile, ma non lo so".

Trump: Peggior direttore Fbi della storia"

La velenosa campagna di Comey, tuttavia, ha fatto infuriare Trump già prima della messa in onda dell’intervista alla Abc. E aproposito dei contenuti del libro, su Twitter Trump dà ancora una volta della “palla di fango” a Comey:  "L'instabile James Comey è un uomo che spesso se ne esce male ed è fuori posto (non è intelligente!), e verrà di gran lunga ricordato come il peggior direttore dell'Fbi della storia".

Leggi tutto
Prossimo articolo