Attacco Siria, cosa sta accadendo nel Paese diviso dalla guerra civile

2' di lettura

Nello Stato - colpito dai raid di Usa, Francia, Gb - non c’è un conflitto tradizionale ma un contesto complesso in cui si scontrano diverse fazioni: vicino alle zone controllate del governo siriano, altre sotto le forze curde, i ribelli o quel che resta dell’Isis. VIDEO

Non un conflitto tradizionale, ma una guerra civile con conseguenze a livello internazionale. E' ciò che sta accadendo in Siria. Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna (FOTO) hanno colpito tre obiettivi a Damasco e Homs in risposta all'attacco chimico alla città di Duma, che i tre alleati attribuiscono al regime di Assad. Ma cosa sta accadendo nel Paese? C’è un contesto complesso in cui si scontrano diverse fazioni: quella di Assad, che guida il governo, è una delle principali. Ma poi ci sono altre zone che sfuggono al suo controllo.

La situazione in Siria

In Siria c’è una zona sotto il controllo del governo siriano guidato da Assad, che ha il sostegno della Russia e dell’Iran. L’altra area più importante è quella sotto il controllo delle forze curde, che sono sostenute dalla coalizione internazionale (a guida americana). Ci sono ancora, poi, delle zone controllate da quello che resta dello Stato islamico: negli ultimi tempi queste aree si sono ridotte sempre più. L’altra presenza è quella dei ribelli siriani: forze che fin dal principio hanno cercato di opporsi ad Assad e hanno guidato le proteste contro di lui, chiedendone le dimissioni o la cacciata. Infine, ci sono piccole zone in cui si registra la presenza di Tahrir al-Sham: eredi di Al-Qaeda, sono in contrapposizione con l’Isis.

Leggi tutto
Prossimo articolo