Iran, tre agenti rimasti uccisi durante una manifestazione a Teheran

Foto d'archivio (Getty)
2' di lettura

Gli scontri sono scoppiati durante una protesta non autorizzata dei Dervisci Gonabadi: chiedevano la scarcerazione di alcuni loro compagni. Secondo la polizia, alcuni manifestanti avrebbero cercato di investire gli agenti con un autobus. Feriti anche dei passanti

Tre agenti sono rimasti uccisi a Teheran, in Iran, durante degli scontri scoppiati nel corso di una manifestazione non autorizzata. A riferirlo è l’agenzia Fars. A manifestare erano i Dervisci Gonabadi, che negli ultimi anni non hanno smesso di chiedere rispetto per la loro fede. La protesta era stata organizzata per domandare la scarcerazione di alcuni loro compagni.

Gli scontri

Gli scontri sono iniziati quando un gruppo di manifestanti si è diretto verso un commissariato di polizia. Secondo la ricostruzione fornita dalla polizia, i Dervisci Gonabadi avrebbero attaccato gli agenti cercando di investirli con un autobus. Diversi pedoni sono rimasti feriti.

Proteste anche per l’aereo caduto

Nella capitale iraniana ci sono state oggi, lunedì 19 febbraio, anche diverse proteste legate all'incidente aereo avvenuto ieri nella provincia di Isfahan, dove è caduto un ATR 72 delle aerolinee Aseman Airlines, con 65 persone a bordo. Dell'aereo, fabbricato circa venti anni fa, non è stato trovato finora alcun resto. Le squadre di soccorso hanno ripreso le operazioni di ricerca nella regione montuosa vicino a Samirom, che erano state quasi impossibili ieri a causa della forte pioggia, della nebbia e del vento. Nelle operazioni sono impiegati droni, elicotteri, oltre 26 squadre di soccorso e 200 alpinisti.

Leggi tutto
Prossimo articolo