Condannato all'ergastolo l'attentatore delle moschee di Londra

Poliziotti presidiano l'abitazione di Darren Osborne nel giugno 2017 (Ansa)
3' di lettura

È la pena stabilita dalla Crown Court della capitale britannica per Darren Osborne, il 48enne che nel giugno 2017 investì fedeli musulmani uccidendone uno e ferendone nove. Secondo il giudice l'uomo si è lasciato "avvelenare la mente" dalla propaganda dell’ultradestra

Ergastolo per omicidio e tentato omicidio, aggravato dal movente dell'odio: è la condanna inflitta a Darren Osborne, il 48enne di Cardiff che nel giugno del 2017 investì deliberatamente con un van una decina di fedeli usciti dalla moschea di Finsbury Park, a Londra, causando la morte di uno di loro e il ferimento di altri nove. La sentenza è della Woolwich Crown Court della capitale britannica. L’uomo non potrà fare istanza per il rilascio sulla parola prima che siano trascorsi almeno 43 anni, ha stabilito il giudice Cheema-Grubb durante la lettura del verdetto. Secondo il giudice, l'attentatore ha scelto le sue vittime solo "individuandole come musulmani". L'attacco di Londra, avvenuto nei pressi di due moschee a Finsbury Park a mezzanotte e un quarto, era stato compiuto con un van lanciato a tutta velocità su una folla di fedeli scesi in strada dopo le preghiere del Ramadan.

"Avvelenato" dalla propaganda islamofoba

Nel corso della sua deposizione in tribunale, Osborne aveva affermato che avrebbe desiderato uccidere anche esponenti laburisti come il leader Jeremy Corbyn, che nella zona di Finsbury Park ha il suo collegio elettorale, o il sindaco di Londra, Sadiq Khan, di origini pachistane e musulmane. L'uomo, come emerso nel processo, si era avvicinato alla propaganda islamofoba tramite il materiale online di gruppi di estrema destra britannici. Il giudice lo ha accusato di essersi lasciato "avvelenare la mente" dalla propaganda dell’ultradestra. A trascinare Osborne verso un gesto violento sarebbe stata anche la visione di una serie della Bbc dedicata a episodi di violenza contro giovani donne commessi in ambienti di comunità britanniche d'origine asiatica.

Ha usato "gli stessi metodi dei terroristi islamici"

Il giudice Cheema-Grubb ha inoltre definito "patetico il tentativo" dell'imputato di "depistare la corte" durante le udienze, sostenendo di non essere stato lui alla guida del furgone usato per l'investimento e di aver assistito due fantomatici complici, che le indagini hanno rivelato essere inesistenti. Ha inoltre bollato il carattere di Osborne come "violento e bellicoso", accusandolo di aver concepito "un piano semplice": usare contro pacifici fedeli musulmani "gli stessi metodi dei terroristi islamici". Parlando dell'anziano rimasto ucciso nell'attentato, Makram Ali, il giudice ha notato come fosse una persona benvoluta da tutti e come la sua vita fosse stata "senza nemici prima di incontrare" Osborne. In aula non sono mancati momenti di emozione da parte dei familiari delle vittime.

Leggi tutto
Prossimo articolo