Stati Uniti, nessun accordo al Senato: terzo giorno di shutdown

La mancata approvazione del bilancio rischia di impedire a Trump di partecipare ai lavori del World Economic Forum di Davos che inizia oggi (Getty Images)
3' di lettura

Durante il fine settimana democratici e repubblicani non sono riusciti a raggiungere un'intesa. Alle 13 (le 18 in Italia), i senatori si esprimeranno sul provvedimento di spesa temporaneo che potrebbe consentire di riavviare le attività federali fino all'8 febbraio

Nella notte, il mancato accordo fra democratici e repubblicani apre la settimana negli Stati Uniti con il terzo giorno di shutdown, ovvero la chiusura degli uffici amministrativi federali innescata dalla bocciatura del bilancio di governo. Il Senato si sarebbe dovuto esprimere all'una del mattino (le sette in Italia) su un provvedimento di spesa temporaneo ma il voto è stato rinviato alle 13 (le 18 italiane). La misura, nel caso in cui venga approvata, consentirebbe di riavviare le attività federali fino all'8 febbraio. Affinché il voto vada a buon fine, però, i democratici chiedono al leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, l'impegno di indire una votazione sulla questione immigrazione prima dell'8 febbraio.

Il nodo per l'approvazione del bilancio

L'opposizione democratica al Senato, prima del voto sul bilancio di governo, aveva fatto sapere che avrebbe approvato la legge sul rifinanziamento, solo se Donald Trump avesse rivisto la sua posizione sui cosiddetti "dreamer", gli immigrati illegali entrati negli Usa quando erano ancora minorenni ai quali il presidente ha intenzione di tolgliere ogni garanzia. I democratici, per questa ragione, vengono accusati di ostruzionismo ma, di fatto, la situazione è molto simile a quella di cinque anni fa quando furono i repubblicani a bloccare il bilancio di Obama, con conseguente shutdown. In quell'occasione la minoranza si rifiutava di approvare il provvedimento nel tentativo di affossare la riforma sanitaria Obamacare.

Non c'è ancora un accordo

L'annuncio di un mancato accordo per la revoca dello shutdown in coincidenza con l'inizio della setimana lavorativa è arrivato dal leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer. Il senatore ha rivelato che i colloqui del fine settimana hanno portato a un nulla di fatto, ma che maggioranza e opposizione stanno lavorando per approvare il provvedimento sul bilancio di governo. Lo shutdown implica il blocco di tutte le attività governative non essenziali, con la Casa Bianca e il Congresso che, ad esempio, continuano a lavorare ma ad organico ridotto. Intanto la mancata approvazione del bilancio rischia di impedire a Trump di partecipare ai lavori del World Economic Forum di Davos che inizia oggi.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"