Un tuffo a Oymyakon: 3 turisti nel fiume del paese più freddo al mondo

2' di lettura

Nella cittadina della Russia orientale, i termometri sono scesi oltre i -60 gradi. Dopo "l’impresa", i tre hanno velocemente trovato riparo all’interno di un’automobile

Il villaggio siberiano di Oymyakon è considerato il più freddo insediamento abitato al mondo. Basti pensare che nel mese di gennaio le temperature medie si attestano intorno ai -50 gradi. Freddo che, però, non ha intimorito tre turisti che, durante la loro visita alla cittadina della Russia orientale, hanno voluto sfidare il gelo proibitivo immergendosi in un piccolo fiume che attraversa il paese. Dopo essersi bagnati i tre si sono velocemente coperti e hanno trovato poi ristoro all’interno di un’automobile. Il video è stato rilanciato dalla piattaforma Storyful: mentre i tre coraggiosi autori del bagno si immergevano nelle acque, le temperature oscillavano tra -44 e -50 gradi. 

Termometro rotto per il troppo freddo

In questi giorni, la regione russa della Yakutia, dove si trova il villaggio di Oymyakon, ha dovuto fare i conti con un freddo ancora più rigido del solito. Nel paese, infatti, le temperature particolarmente proibitive, arrivate alla quota di -62 gradi, hanno addirittura causato la rottura del nuovo termometro elettronico installato appena l’anno scorso. Finora la temperatura più bassa registrata nel villaggio risale al 1933 con -67 gradi.

Leggi tutto
Prossimo articolo