Nigeria, l'esercito rilascia 244 presunti affiliati di Boko Haram

La liberazione dei 244 presunti affiliati a Boko Haram è arrivata nella Giornata della Memoria delle Forze Armate (archivio Getty Images)
2' di lettura

 

Tra le persone liberate ci sono 19 adolescenti e 51 bambini. Intanto gli jihadisti diffondono un video con alcune delle studentesse rapite a Chibok nek 2014

 

La Nigeria ha liberato 244 sospetti membri del gruppo jihadista di Boko Haram. Lo hanno reso noto gli alti comandi militari nigeriani, precisando che i soggetti "pentiti" sono stati riabilitati e sono ora pronti per essere reintegrati nella società.

Anche bambini tra i rilasciati

A dare la notizia dell'imminente rilascio dei prigionieri è stato il comandante Rogers Nicholas, a capo del contingente che combatte contro i miliziani islamisti nel nord-est del paese. L'ufficiale ha dichiarato che il rilascio dei prigionieri è stato parte delle attività per celebrare la Giornata della Memoria delle Forze Armate per il 2018. L'esercito ha consegnato i 244 ex detenuti, tra cui si contano 118 uomini, 56 donne, 19 adolescenti e 51 bambini, al governatore dello stato federato di Borno. Questa rappresenta una delle aree più colpite dagli attacchi dell'organizzazione terroristica jihadista di stampo sunnita. Negli ultimi otto anni, gli attacchi del gruppo contro la popolazione nigeriana ha fatto registrare circa 20mila vittime e costretto 2 milioni di persone a lasciare le proprie abitazioni.

Studentesse ancora in mano al gruppo

Quella di oggi rappresenta la più grande liberazione di massa di presunti membri di Boko Haram, entrati nel programma di recupero dell'esercito. L'annuncio delle autorità è coinciso con la diffusione di un nuovo video rilasciato dall'organizzazione terroristica in cui appare il leader Abubakar Shekau insieme ad alcune delle studentesse di Chibok rapite nell'aprile del 2014. In quell'occasione un gruppo di terroristi di Boko Haram raggiunse la città dello stato del Borno e rapì 276 studentesse.

Leggi tutto
Prossimo articolo