Danimarca, 1000 giovani denunciati per video hot su Facebook Messenger

Nell'indagine della polizia danese sono finiti 800 ragazzi e 200 ragazze residenti in tutta la Danimarca (archivio Ansa)
2' di lettura

Al centro dell'indagine c'è un filmato con due 15enni che sarebbe stato condiviso da 800 ragazzi e 200 ragazze, ora accusati di diffusione di materiale pedopornografico. Le pene previste arrivano fino a sei anni di carcere

Oltre mille teenager sono stati incriminati in Danimarca con l'accusa di diffusione di materiale pedopornografico su Facebook. Lo hanno riferito fonti della la Polizia danese, citate dalla Cnn, che hanno precisato come l'indagine riguardi 800 ragazzi e 200 ragazze tra i 15 e i 20 anni, residenti in diverse parti del Paese.

Il materiale sotto indagine

Al centro dell'inchiesta avviata dagli agenti, ci sarebbero video e fotografie risalenti al 2015, ma circolate sulla piattaforma fino all'autunno del 2017. In particolare, verrebbe mostrato un rapporto sessuale consenziente tra ragazzo e una ragazza, entrambi 15enni. Secondo quanto riferito dalla polizia, alcuni dei giovani coinvolti nell'inchiesta avrebbero diffuso video e foto un paio di volte, mentre per altri si parla di centinaia di condivisioni. I video e le foto sono stati presumibilmente inviati tramite Messenger, il servizio di messaggistica privata di Facebook, fino a che qualcuno non ha segnalato al social network il fatto. I responsabili della compagnia hanno quindi sporto denuncia alle autorità statunitensi che, a loro volta, sono arrivate ai colleghi danesi attraverso l'Europol, l'agenzia di contrasto al crimine dell'Unione europea.

Previste pene fino a sei anni di reclusione

Le leggi danesi prevedono che l'età minima per avere un rapporto sessuale consenziente sia di 15 anni, ma vietano la distribuzione di video con scene di sesso fra persone di età inferiore ai 18 anni. Quest'ultimo caso rappresenta un reato per cui è prevista una pena massima di sei anni di carcere. Il guidizio sulle pene per i giovani coinvolti dovrà tenere necessariamente conto della loro età: se gli imputati minorenni dovessero essere giudicati colpevoli, è probabile che andranno incontro a una multa o a una condanna con sospensione di pena. In entrambi i casi, però, il reato comporterà la menzione sulle loro fedine penali per un periodo di tempo fino a dieci anni, come confermato dalla polizia danese a Sky News.

Leggi tutto
Prossimo articolo