Siria, esercito: "Israele ha attaccato deposito armi, jet abbattuto"

Nella mappa, la zona dove sarebbe avvenuto l'attacco
2' di lettura

L'attacco avrebbe colpito una base militare vicino a Al-Katifa, a Est di Damasco. Ma mancano conferme da parte di Tel Aviv. La scorsa domenica, il gabinetto di sicurezza israeliano aveva tenuto "una lunga riunione" sulla situazione ai confini siriani e libanesi

Tensione in Siria dove Israele ha attaccato un deposito di armi di una base dell'esercito siriano, vicino a Al-Katifa, sobborgo Est di Damasco. Durante l’attacco, però, un jet israeliano sarebbe stato abbattuto, come ha annunciato l’esercito siriano che ha precisato anche di aver neutralizzato uno dei missili israeliani, mentre gli altri sono caduti su siti militari causando danni materiali. Da Tel Aviv ancora nessuna conferma né su raid in Siria, né sulla vicenda dell’aereo abbattuto.

Esercito siriano: "Attacco con aerei e missili terra-terra"

A dare la notizia dell’attacco in Siria era stato l'esercito siriano, citato dai media israeliani. Secondo la stessa fonte, l'attacco sarebbe avvenuto con aerei e missili terra-terra. Inoltre, per il sito dell'opposizione siriana, Qasioun website, quattro aerei avrebbero condotto l'operazione attraverso lo spazio aereo libanese. 

Le preoccupazioni di Israele sui confini siriani

La scorsa domenica, il gabinetto di sicurezza israeliano aveva tenuto "una lunga riunione", dedicata proprio alla situazione ai confini con la Siria e con il Libano. Secondo i media, il premier Benyamin Netanyahu e il ministro della difesa Avigdor Lieberman avrebbero espresso, in quella sede, preoccupazioni per gli sviluppi alla frontiera Nord del Paese a causa della crescente "influenza" dell'Iran che avrebbe costruito impianti di armi nella zona. E anche per il progressivo riempimento dell'arsenale missilistico del regime di Assad, dopo il suo uso nella guerra contro i ribelli

Leggi tutto
Prossimo articolo