Incendio allo zoo di Londra: vittime tra gli animali

Le operazioni di spegnimento dell'incendio allo zoo sono state condotte da 70 vigili del fuoco (Twitter @LondonFire)
2' di lettura

Sono ancora sconosciute le cause delle fiamme, che sono partite dalla sezione "Animal Adventure" della struttura

Oltre 70 pompieri sono intervenuti allo zoo ZSL di Londra colpito da un incendio nella prima mattina del 23 dicembre. Lo hanno annunciato gli stessi vigili del fuoco in un post pubblicato sulla propria pagina Twitter.

L'incendio nella mattinata

Secondo quanto riferito dalla stessa struttura, le squadre dei pompieri sono intervenute per spegnere un incendio che avrebbe avuto origine attorno alle 6 di mattina nella sezione "Animal Adventure" dello zoo per poi propagarsi a un negozio vicino. Sul luogo sono arrivati 10 autopompe e 70 vigili del fuoco che sono riusciti a domare le fiamme attorno alle ore 9. Una fotografia pubblicata su Twitter dalla London Fire Brigade (la compagnia dei vigili del fuoco) mostra il fumo che si alza dall'edificio colpito, mentre i pompieri cercano di intervenire.

Vittime tra gli animali

Alcuni membri dello staff sono stati sottoposti a cure per lo shock e per aver inalato fumo, ma senza conseguenze ulteriori. I veterinari hanno invece dovuto constatare la morte di un oritteropo di 9 anni di nome Misha, mentre sono ancora dispersi 4 suricati che, secondo la comunicazione dello zoo, "è presumibile che siano morti". Gli altri "ospiti" sono sottoposti a costante monitoraggio, ma non sembrano aver subito conseguenze.

Cause e riapertura

Lo zoo nel suo comunicato afferma che è ancora troppo presto per stabilire le cause dell'incendio, ma che collaborerà con gli investigatori per individuarle. In un primo tempo sembrava che la struttura dovesse chiudere per alcuni giorni, ma successivamente dallo zoo è stato affermato che, dopo un consulto con i tecnici competenti, "sono fiduciosi di poter aprire in sicurezza" il 24 dicembre dalle 10 del mattino.

Data ultima modifica 23 dicembre 2017 ore 18:45

Leggi tutto
Prossimo articolo