Putin chiama Trump: "Grazie alla Cia sventato un attentato in Russia"

La telefonata fra Vladimir Putin e Donald Trump ha avuto luogo nella giornata di domenica 17 dicembre (Getty Images)
2' di lettura

L'azione era pianificata per la giornata di sabato in una cattedrale di San Pietroburgo, riportano i servizi segreti russi. Fondamentale il passaggio di informazioni da parte dell'intelligence americana

Il presidente russo Vladimir Putin ha telefonato al suo omologo statunitense Donald Trump per ringraziarlo nella giornata di domenica 17 dicembre. Motivo della chiamata è il passaggio di informazioni fra i servizi segreti dei due Paesi, che avrebbe permesso ai russi di sventare un attacco terroristico sul proprio territorio.

L'attacco sventato

Come riporta l'agenzia Interfax, citando il Cremlino, Vladimir Putin ha telefonato a Donald Trump per esprimergli la sua gratitudine. Negli scorsi giorni, preziose informazioni trasmesse dalla Cia avrebbero aiutato le autorità russe ad impedire un attentato terroristico. Secondo quanto dichiarato dall'Fsb, i servizi segreti russi, una cellula terroristica operativa sul territorio nazionale era pronta a compiere un attacco suicida nella giornata di sabato alla cattedrale di Kazan, nella città di San Pietroburgo. Sette membri della cellula, a quanto pare legata allo Stato Islamico, sono stati arrestati e nei loro covi sono stati trovati ingenti quantità di eslposivo, armi e materiale di propaganda estremista. A quanto si apprende dal dispaccio di Interfax, Putin ha anche assicurato a Donald Trump che gli agenti dell'Fsb provvederanno ad avvertire le autorità statunitensi nel caso venissero a conoscenza di imminenti attacchi pianificati sul territorio americano.  

La Casa Bianca conferma la telefonata

La portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha confermato con un tweet la telefonata Trump-Putin. E' il secondo colloquio tra i due nel giro di pochi giorni.

Leggi tutto
Prossimo articolo