Caso Weinstein, vittima a Sky TG24: "Mi accolse in accappatoio"

Mondo

Arriva un'altra accusa all'ex produttore nell'ambito dello scandalo sessuale che sta scuotendo Hollywood: è quella di Oriane Gay, scrittrice e sceneggiatrice. Ha raccontato di aver ricevuto avances dal produttore mentre contrattavano il compenso economico per un lavoro

Continuano le testimonianze che accusano Harvey Weinstein di abusi e molestie sessuali. L'ultima in ordine di tempo sul caso che sta scuotendo l’intera Hollywood è quella di Oriane Gay, scrittrice e sceneggiatrice, che ha concesso un'intervista in esclusiva a Sky TG24. Gay racconta di un colloquio di lavoro con Weinstein organizzato dal produttore nella sua stanza d’hotel. Weinstein avrebbe avanzato una richiesta sessuale molto esplicita nel momento della contrattazione dello stipendio.

L'episodio

"Ho incontrato per la prima volta Weinstein nel 2007", spiega Oriane Gay, "in una festa organizzata da Wild Bunch (una società di produzione cinematografica, ndr) al festival di Cannes". I due fissano un colloquio di lavoro. L'incontro avviene nella camera d’hotel: "Ho bussato alla porta e mi ha aperto in accappatoio", racconta Gay, "cosa che mi ha messo a disagio, anche se mi dicevo che in fondo era il festival di Cannes. Io ero in tailleur e all’epoca portavo gli occhiali". Dopo aver presentato il curriculum, Oriane sottolinea: "Gli ho spiegato che avevo esperienza come produttrice e sceneggiatrice, anche se per formazione sono avvocato". Weinstein, a quel punto, chiede: "Quanto vuoi?". Oriane gli espone le sue aspettative sullo stipendio, ed è in quel momento che Weinstein la fissa negli occhi chiedendole se possono avere un rapporto sessuale.

La reazione

"La mia prima reazione è stata ridere e urlare 'No!'. Credevo che stesse scherzando o meglio speravo che stesse scherzando". Dopo aver insistito e aver ottenuto un altro secco rifiuto, Weinstein dà a Oriane una pacca sulla spalla, le indica la porta e le dice: "Puoi andare". Secondo la scrittrice il caso Weinstein è sintomatico di un problema endemico a Hollywood ma anche in altri ambienti, dove si chiedono favori sessuali e in caso di rifiuto la donna viene "intimidita, ostracizzata, lasciata sola". Spiega Gay che "per quanto mi riguarda, sono stata fortunata a non essere mai stata aggredita fisicamente. Ma mi sono trovata in una di quelle situazioni in cui quotidianamente qualcuno prova ad usare il suo potere contro di te per ottenere in cambio prestazioni sessuali e la persona si vendica e ti punisce nel tuo lavoro se dici no".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24