1' di lettura

Il miliardario, candidato alle primarie repubblicane per le presidenziali Usa del 2016, non retrocede di fronte al clamore e all’indignazione che sta provocando negli Stati Uniti e all'estero la sua proposta di  vietare l'ingresso agli islamici in America. Dura reazione dell'Onu

Donald Trump non si pente. In un'intervista a Barbara Walter della Abc News, il magnate dice di non avere rimorsi per la proposta di vietare l'ingresso a tutti i musulmani in Usa. "Dobbiamo fare la cosa giusta", insiste Trump, sostenendo di avere "grande rispetto e amore" e "importanti rapporti" con i musulmani. I quali, sostiene ancora, sono d'accordo con ciò che ha detto. Il divieto, ribadisce, sarebbe solo temporaneo, fino a quando i leader "capiranno cosa sta succedendo". E anche dopo le sue ultime uscite, il candidato alle primarie repubblicane per la corsa a Usa 2016 continua a volare nei sondaggi. Anzi, la tentazione di lasciare i repubblicani e correre da solo è tanta.

Le reazioni internazionali - Le parole di Trump l’hanno improvvisamente catapultato sul palcoscenico internazionale, attirando in particolare le ire di Londra e di Parigi che temono un “effetto Le Pen” Oltreoceano. Sul tema, seppure incidentalmente, torna anche Barack Obama. "Ricordiamoci che la nostra libertà è legata alla libertà degli altri. Indipendentemente dalla loro razza, dal loro nome e dalla fede che praticano", ha detto il presidente Usa, ricordando al Congresso l'abolizione della schiavitù. Anche Benyamin Netanyahu ha bacchettato l'imprenditore-candidato newyorchese: "Israele rispetta tutte le religioni", ha detto il premier israeliano, che dovrebbe incontrare Trump il 28 dicembre.

E l'agenzia per i rifugiati dell'Onu (Unhcr) dice: le affermazioni di Donald Trump sui musulmani danneggiano il piano di reinsediamento negli Stati Uniti dei profughi siriani e di altri Paesi che sono in fuga da guerre e persecuzioni.

Trump contro Time: ha preferito Merkel che rovina la Germania - Il candidato alle primarie repubblicane critica anche su Twitter la rivista Time, che ha scelto come persona dell’anno la cancelliera tedesca Angela Merkel: "Io l'avevo detto che la rivista Time non mi avrebbe scelto come persona dell'anno nonostante fossi il grande favorito. Hanno scelto una persona che sta rovinando la Germania”.


Leggi tutto
Prossimo articolo