Venezuela, tutti nudi su Twitter per protesta

Alcuni degli utenti venzuelani che si sono spogliati su Twitter in solidarietà con le proteste contro il governo di Nicolas Maduro - Credit: Twitter
1' di lettura

In solidarietà con uno studente della Universidad Central de Venezuela denudato durante gli scontri con gruppi filo-governativi, alcuni utenti del social network lanciano gli hashtag #MejorDesnudosQue e #DesnudosConLaUCV e si liberano dei vestiti. STORIFY

di Raffaele Mastrolonardo

Nelle proteste che ormai da mesi attraversano il Venezuela, i social network giocano un ruolo importante sia come veicoli per le opposte propagande sia come strumenti di organizzazione per i  manifestanti. L'ultima dimostrazione si è avuta nelle scorse settimane, quando su Twitter hanno cominciato a circolare foto di utenti nudi accompagnate dagli hashtag #MejorDesnudosQue e #DesnudosConLaUCV. Gli spogliarelli virtuali sono uno dei modi attraverso i quali alcuni frequentatori del social network hanno voluto mostrare solidarietà nei confronti di uno studente che sarebbe stato spogliato durante gli scontri con gruppi filo-governativi.

Ideata da un creativo, la campagna #MejorDesnudosQue si è diffusa sul sito di microblogging arrivando, a quanto mostrano le foto, fin sulle barricate erette dagli oppositori del governo di Nicolas Maduro nelle strade del Paese. Ecco, in uno Storify, alcune di queste immagini.


Leggi tutto
Prossimo articolo