Myanmar, rinviata all'11 agosto la sentenza Suu Kyi

1' di lettura

I giudici hanno deciso di riesaminare alcune testimonianze prima di emettere il verdetto. La 64enne premio Nobel per la pace rischia 5 anni di carcere per violazione degli arresti domiciliari

E' stata rinviata all'11 agosto in Myanmar la conclusione del processo e il conseguente verdetto per la leader dell'opposizione, Aung San Suu Kyi. I giudici hanno deciso infatti di riesaminare alcune testimonianze prima di emettere la sentenza. La 64enne premio Nobel per la pace rischia 5 anni di carcere per violazione degli arresti domiciliari, non avendo avvertito le autorita' dell'intrusione di un cittadino americano, John William Yettaw, nella sua casa agli inizi di maggio.

Leggi tutto
Prossimo articolo